Home Tempi Postmoderni Animali & Ambiente

Trascinano cane sull’asfalto sulla Trani-Barletta, ecco cos’è accaduto a cagnolino e proprietari

CONDIVIDI

Il video in cui si vede un cagnolino legato alla parte posteriore di un’automobile e trascinato per km sulla Trani-Barletta sta facendo il giro del web. Tra indignazione e sgomento, ecco cosa sarebbe successo

Un cane legato alla parte posteriore di un’automobile e trascinato per km sulla Trani-Barletta, sotto lo sguardo di molti automobilisti che, incuranti, hanno ignorato la cosa e che hanno addirittura sorpassato la macchina lasciandosela alle spalle. Questo fino a quando una coppia di fidanzati non ha notato le sofferenze del povero animale e ha ripetutamente chiesto al conducente di fermarsi. A quel punto è accaduto l’inaspettato: i proprietari del cagnolino, ormai ridotto in fin di vita, hanno dichiarato con orrore di non essersi accorti che il cane fosse caduto dalla vettura, né di averlo trascinato in quel modo. L’accaduto è stato immortalato in un video che da due giorni sta indignando il web, scatenando addirittura una reazione del Ministro Matteo Salvini.

Cane trascinato per km sulla Trani-Barletta, due fidanzati fermano il percorso della vettura incriminata

Uno spettacolo a dir poco disumano quello a cui si sono trovati ad assistere due fidanzati che viaggiavano a bordo della loro vettura sulla strada pugliese che da Trani conduce a Barletta. Davanti a loro un’altra automobile, di colore scuro, che procedeva muovendosi con lentezza. Dal bagagliaio fuoriusciva una corda a cui era legato un cagnolino esanime: il piccolo, 10 anni di età, era stato trascinato sull’asfalto per svariati km. I due fidanzati sconvolti, hanno seguito la vettura e hanno chiesto più volte al conducente di quella macchina di fermarsi. Questi si è deciso a farlo nei pressi di Barletta. Non appena scoperto quanto accaduto, è arrivata una reazione che forse i due giovani non si aspettavano da parte dei proprietari, anche loro una coppia: la donna ha iniziato a urlare e i due hanno rivelato di non essersi resi conto di quanto stesse accadendo. Potrebbe essersi dunque trattato di un atto di violenza volontaria o di una tragica fatalità: sarà un’indagine avviata dalla Magistratura ad appurare come si siano svolti i fatti.

Cane trascinato per km sulla Trani-Barletta, la reazione di Matteo Salvini su Facebook

Intanto, il Ministro Matteo Salvini ha parlato della vicenda attraverso Facebook e ha fatto capire per quale scenario protenda: “Che schifo. Tra Barletta e Trani un cane legato con il guinzaglio dentro al bagaglio posteriore è stato vergognosamente TRASCINATO, chissà per quanto. Per fortuna è ancora vivo ma ora mi auguro che la BESTIA “umana” che ha commesso questo crimine paghi fino in fondo. La proposta di legge della Lega per raddoppiare le pene a chi fa del male agli animali è arrivata in Commissione giustizia al Senato, chiedo il supporto di tutti per accelerare: non si tratta di una questione politica, ma di civiltà che dovrebbe unire tutte le persone di buonsenso!”.

Cane trascinato per km sulla Trani-Barletta, le dichiarazioni di Enrico Rizzi

Come rivela Next Quotidiano, Enrico Rizzi, (membro del Partito Animalista) ha dichiarato di aver denunciato i proprietari del cane ai Carabinieri, contestando loro il reato di maltrattamento di animali e chiedendo che l’animale sia tolto il prima possibile ai proprietari.  Per quanto riguarda la salute dell’animale, il cagnolino è stato trasportato con urgenza  presso uno studio veterinario di Andria in cui lavora il Dottor Santo Pedata. Rudy, questo il nome del cane protagonista di questa orribile vicenda, è stato portato dal medico proprio dai proprietari, che pare gli siano affezionatissimi: questo ha rivelato il medico, raggiunto via telefono proprio da Next Quotidiano.

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram