Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Coppia di migranti racconta le violenze subite in Svizzera: “Trattati come bestie”

CONDIVIDI

migranti violenze In manette, con le catene ai piedi, picchiati e incappucciati. 

E’ il terribile racconto di Joelson e Tatiana, una coppia di migranti ora ospitata nel centro di accoglienza di Napoli gestito dalla Ong Laici Terzo Mondo assieme alla loro piccola Leora.

I due hanno raccontato l’inferno vissuto in Svizzera, dove sono stati trattati come bestie per poi essere rispediti in Italia.

“In manette, le catene ai piedi, picchiati e incappucciati – raccontano Joelson e Tatiana al quotidiano ‘La Repubblica’ – E volevano anche toglierci la bambina, che non aveva ancora un anno, perché lei è nata a Berna. Ma noi non l’avremmo lasciata mai”.

“Non c’era motivo di tanta violenza, trattati come bestie”

Lui ha 25 anni, ed è camerunense, mentre lei ne ha 23 e proviene dalla Costa d’Avorio. Entrambi sono partiti dalla Libia a giugno 2017 e sono stati soccorsi da una nave umanitaria. I due sono giunti a Salerno e in seguito sono stati trasferiti in un centro d’accoglienza di Torino.

Joelson e Tatiana hanno poi attraversato il confine, giungendo in Svizzera. Dopo i maltrattamenti è arrivato anche l’obbligo di ritorno in Italia. La polizia ha raggiunto la coppia nel villaggio montano di Albinen: “Dovete andare via da qui, vi rimandiamo in Italia”.

“Avevamo già firmato le carte per il trasferimento. Non c’era motivo di tanta violenza – raccontano Joelson e Tatiana – Ci hanno trattato come bestie”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram