Ex finanziere di 71 anni ucciso dal figlio a coltellate: l’allarme dato da alcuni operai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:21

Stamane, a Legnano (provincia di Milano), un uomo di 71 anni è stato ucciso e probabilmente è stato il figlio a commettere il terribile gesto. L’omicidio avrebbe chiuso una violenta lite tra i due

Dramma, questa mattina, a Legnano. Nella cittadina- che si trova in provincia di Milano- un uomo di 71 è morto e probabilmente è stato il suo stesso figlio a ucciderlo. L’anziano ha avuto un litigio con il figlio, intorno alle ore 10:30 di oggi: la lite, divenuta sempre più violenta, sarebbe infine degenerata nell’omicidio del genitore. Il corpo del 71enne è stato rinvenuto nel suo appartamento che si trova tra la via Barbara Melzi e la via Sante Giovannelli.

Omicidio a Legnano, litigio padre-figlio culmina nell’omicidio

Stamane un uomo avrebbe colpito il padre fino a ucciderlo al termine di un grave litigio. È accaduto a Legnano, nell’appartamento della vittima: un anziano signore di 71 anni. Secondo la prima ricostruzione riportata da Today, pare che i due abbiano avuto una discussione che è degenerata nell’omicidio. Nella zona in cui si trova l’appartamento, tra le vie Melzi e Giovannelli, sono intervenute un’automedica e due ambulanze, ma la trafila dei soccorsi non si sono nemmeno potuti attivare perché l’anziano- quando è stato ritrovato- era ormai privo di vita.

Omicidio a Legnano, il figlio della vittima si era barricato in casa

Polizia e Vigili del Fuoco sono stati allertati perché il figlio del 71enne, dopo quanto accaduto, si era barricato in casa. I Vigili del Fuoco hanno forzato la porta dell’appartamento e hanno individuato il corpo dell’uomo. Per il 71enne, purtroppo,  non c’era già più nulla da fare. L’appartamento è adesso nelle mani della Polizia scientifica, che dovrà effettuare tutti i rilievi necessari per comprendere l’esatta dinamica di quanto accaduto.

AGGIORNAMENTO: secondo quanto riportato da VareseNews, la vittima è Michele Campanella, ex finanziere.

Ad ucciderlo – sempre secondo il giornale locale online – il figlio Marco, 36enne, descritto come una persona interamente dedita allo studio (stava conseguendo una seconda laurea in Scienze Politiche, dopo dopo essersi laureato in Lingue).

Stamane ci sarebbe stata una violenta lite tra i due che avrebbe portato al raptus del figlio.

La violenta scena dell’aggressione (l’uomo è stato ucciso da numerose coltellate) sarebbe avvenuta davanti agli occhi di alcuni operai che lavoravano in un cantiere sulla strada: parte dell’aggressione sarebbe avvenuta infatti sul balcone. Gli operai eper primi hanno allertato le forze dell’ordine.

Maria Mento (Aggiornato da R.D.V.)