Porto di Civitavecchia, estrae la pistola e minaccia una famiglia tunisina: è un agente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:10

In queste ultime ore ha iniziato a circolare in rete un video che mostra un agente di Polizia ripreso, al porto di Civitavecchia, nell’atto di minacciare con la sua pistola una famiglia tunisina

È finito su Twitter, ieri, un video girato al porto di Civitavecchia mentre avveniva un brutto alterco tra un poliziotto e una famiglia con probabili origini tunisine. Il fatto, ripreso con una videocamera, si è verificato al molo per l’imbarco per Tunisi. Il motivo del contendere una macchina che andava spostata e che ha portato il poliziotto ad avanzare la richiesta nei confronti della famiglia tunisina. Ecco cos’è accaduto.

Agente contro famiglia tunisina al Porto di Civitavecchia, scontro per una macchina da spostare

Devi spostare la macchina”. È iniziato con questa richiesta, fatta da un agente di polizia a un capofamiglia, un brutto litigio che ha coinvolto l’uomo e delle persone che forse sono di nazionalità tunisina. Si tratta di una famiglia che si trovava ieri al porto di Civitavecchia, nella zona dell’imbarco per Tunisi. Da quella frase è scaturito un alterco, sottolineato da frasi sempre più concitate sia da parte dell’agente sia da parte del viaggiatore, che si è concluso con la reazione dell’agente. Il poliziotto ha spinto contro l’auto l’uomo, toccandolo sulle spalle. A quel punto  è intervenuto un collega dell’agente, che si è messo in mezzo ai due. Nel frattempo, alcune delle persone che si trovavano intorno si sono avvicinate, attirate dal trambusto, per assistere alla scena. Una donna, probabilmente la moglie dell’uomo che discute con l’agente, si sente urlare in video mentre accadeva il tutto.

Agente contro famiglia tunisina al Porto di Civitavecchia, ancora nessuna dichiarazione

Nonostante l’arrivo del collega, le cose sono ulteriormente degenerate e il poliziotto ha schiaffeggiato l’uomo, salvo poi estrarre dalla fondina la sua pistola d’ordinanza. “Guarda che sparo”, ha avvertito alla fine del video l’agente. Ci si interroga, adesso, su quanto sia stata adeguata alla situazione la reazione del poliziotto: la famiglia tunisina verso cui si è rivolto non sembrava rappresentare un pericolo tale da richiedere l’estrazione della pistola. Non sappiamo cosa sia accaduto nei momenti successivi all’alterco, quelli che il video non ha immortalato. Come riporta Fanpage.it, la testata ha provato a contattare la Polizia di frontiera: ancora non sono state rilasciate dichiarazioni in merito.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!