XXX Universiade al via: il San Paolo illuminato come il golfo di Napoli per l’inaugurazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:22

Universiade

In occasione della trentesima edizione dell’Universiade a Napoli, lo stadio San Paolo si è tinto di colori luci ed emozioni.  Lo show lascia senza fiato, e fa da contorno a tanti gesti teneri e doverosi.

Mattarella incontra la piccola Noermi

In occasione della cerimonia, un gesto di dolcezza e di commozione ha lasciato sensazioni e sorrisi nel cuore. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è recato nella saletta di rappresentanza dello stadio.

Qui ha incontrato la piccola Noemi, la bambina ferita il 3 maggio scorso in un agguato di camorra. Mattarella chiese “Come va?“, mentre la bacia e l’abbraccia “Meglio, fortunatamente“, gli rispondono in coro.

Come si è svolta la cerimonia

La cerimonia svoltasi a Napoli è andata in diretta tv in 140 Paesi. La scenografia ha ricreato l’ambiente tipico del golfo con la ricostruzione dell’imponente Vesuvio posto dinanzi alla Curva B. La regia è di Lida Castelli.

Come effetti scenici sono stati posti in essere l’acqua del golfo e il fuoco del vulcano mentre una sirena, Partenope, volava al centro dello stadio. Ingresso trionfale per Maria Felicia Carraturo, pluriprimatista italiana Apnea in assetto costante no limits: era lei ad impersonare Partenope. Indossava un lungo vestito con strascico di 60 metri ricoprendo tutto il San Paolo.

Figure di spicco presenti all’evento

In tribuna sedeva il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in compagnia del presidente della Camera Roberto Fico. Erano altresì presenti l’arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e il numero uno della Fisu (la federazione degli sport universitari) Oleg Matytsin.

Accolto a metà tra applausi e fischi, Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, il quale ha aperto così il discorso: “Do il benvenuto in questo bellissimo stadio e nella città dei mille colori, dello Sport, dei giovani, della pace, dell’accoglienza, nella città dell’amore. Il mio augurio e l’augurio di tutti i napoletani è che possiate trascorrere giorni di forti emozioni“.

Le parole di Vincenzo de Luca

Accolto tra i fischi nel frattempo il presidente della Regione Vincenzo De Luca che dichiara: “Sembrava una sfida impossibile eppure siamo qui, 70 impianti ristrutturati in dieci mesi, è stato un lavoro enorme. Abbiamo voluto questo evento per tanti motivi: avete visto sfilare ragazzi di popoli che sono in guerra tra di loro ma sono uniti n un’occasione di pace, abbiamo voluto promuovere turismo e partecipazione giovanile nei quartieri“. Dopodiché parla in inglese rivolgendosi alle delegazioni.

Il presidente Mattarella ha aperto invece ufficialmente i Giochi: “Nella certezza che questo grande evento sportivo rinsalderà l’amicizia tra i popoli del mondo, dichiaro aperta la 30esima edizione dell’Universiade”.

Erano una quarantina i migranti a sfoggiare i cartelli con i nomi delle nazioni partecipanti “per ricordarci che siamo tutti migranti e parte dello stesso mondo“.

L’evento è stato aperto con giochi di luce e spettacolo, misto a musica (era presente anche Malika) e balli. A partecipare come artisti iI rapper Livio Cori e Anastasio, ma anche Iaia Forte, il coro del Teatro Verdi di Salerno, Andrea D’Alessio. A chiudere l’evento il concerto di Andrea Bocelli.