Prodigi della scienza: tetraplegico torna ad usare le mani dopo un trapianto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:07
tetraplegico torna ad usare le mani grazie ad un trapianto
(Screenshot Video)

Grazie ad un’innovativa tecnica di trapianto un uomo affetto da paralisi in tutto il corpo è tornato a poter utilizzare le mani.

La storia di Paul Robinson è simile a quella di tante altre persone che rimangono vittime di incidenti alla spina dorsale, ma l’epilogo della sua fa ben sperare per il futuro delle persone che rimangono vittime di simili incidenti. Quest’uomo australiano, oggi 34enne, è caduto dalla bici ed ha riportato una frattura ad una vertebra che gli ha causato una paralisi dai capezzoli in giù: in sostanza era in grado solamente di muovere la testa. Confinato su una sedia a rotelle e costretto a ricevere assistenza per qualsiasi azione giornaliera, Paul ha accettato di partecipare ad una tecnica sperimentale di chirurgia spinale per risolvere infortuni ai tendini spinosi.

Al termine dell’esperimento scientifico Paul ed altri 12 pazienti affetti da tetraplegia (in totale erano 16 i volontari) hanno riacquistato l’utilizzo degli avambracci ed ora sono tornati a svolgere i compiti giornalieri senza l’aiuto di nessuno. Intervistato dalla ‘CNN‘, Paul spiega di essere in grado adesso di spingere da solo la sedia a rotelle e di potersi curare della propria igiene intima.

Teptraplegico torna ad utilizzare le mani grazie ad un trapianto sperimentale

Il ragazzo racconta all’emittente televisiva come la sua vita sia cambiata radicalmente in meglio dopo l’intervento: “Prima mi trovavo confinato sulla sedia a rotelle che non potevo spingere senza l’aiuto di speciali guanti. Se mi cadeva qualcosa per terra dovevo chiedere l’ausilio di qualcuno… Ha fatto un’enorme differenze nella mia vita”.

Il trapianto consiste nel trasferimento di nervi ad uno o più arti per permettere ai tendini del gomito di estendersi e alle mani di afferrare. I risultati di questo esperimento medico sono confortanti e sono stati pubblicati di recente sulla rivista scientifica ‘Lancet’.

Potresti essere interessato anche a: Cancro, arriva il vaccino? Ottime notizie dalla ricerca scientifica