Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Spadafora contro Salvini su Carola, la reazione è durissima: “Fossi in lui mi dimetterei”

CONDIVIDI

"Fossi in lui mi dimetterei"La Lega e Salvini hanno reagito in maniera dura alle parole di Spadafora sulla questione Carola Rackete, consigliando al sottosegretario di dimettersi.

Cresce nuovamente la tensione tra i rappresentanti del Movimento 5 Stelle e quelli della Lega. Questa volta a gettare benzina sul fuoco è stato il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega alle Pari Opportunità, Vincenzo Spadafora. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la critica all’atteggiamento di Salvini sulla questione Carola Rackete.

Spadafora è stato intervistato da ‘Repubblica’ sugli episodi di sessismo nati dopo il caso Sea Watch 3 ed ha dichiarato: “Come facciamo a contrastare la violenza sulle donne, se gli insulti alle donne arrivano proprio dalla politica, anzi dai suoi esponenti più importanti?”. Il riferimento è chiaro, ma continuando a parlare il sottosegretario lo esplicita con un esempio: “L’ha definita criminale, pirata, sbruffoncella. Parole, quelle di Salvini, che hanno aperto la scia dell’odio maschilista contro la Capitana”.

La risposta di Salvini a Spadafora: “Fossi in lui mi dimetterei”

Una simile posizione non poteva passare sotto silenzio ed infatti il ministro dell’Interno ha risposto con una frecciata a Spadafora durante una conferenza stampa al Cara di Mineo: “Cosa sta a fare il sottosegretario? Sta al governo con un pericoloso razzista e maschilista? Fossi in lui mi dimetterei”. Salvini evita di rispondere direttamente alle parole del rappresentante M5S e dunque di affrontare la tematica sessismo e cattivo esempio poiché non si ritiene né sessista né razzista. Si limita a dire che se trova così sgradevole lavorare con lui farebbe meglio a cambiare lavoro, anche perché, conclude: “Ci sono delle Ong che lo aspettano”.

Come era lecito aspettarsi i membri della Lega si sono schierati apertamente con il loro leader ed hanno attaccato Spadafora chiedendone le dimissioni immediate o le scuse pubbliche. Inclusiva delle opinioni di tutti i rappresentanti del carroccio è quella del capogruppo dei deputati Molinari che dice: “La gravità delle parole di Spadafora è sotto gli occhi di tutti. Si può anche dissentire dal pensiero di un membro del governo di cui si fa parte, ma c’è modo e modo e a tutto, comunque, c’è sempre un limite. Delle due l’una: Spadafora si scusi subito o si dimetta”.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram