Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Bellomo, i messaggi delle borsiste peggiorano la sua posizione: “Come il Bunga Bunga”

CONDIVIDI

"Peggio del Bunga Bunga"Lo scorso 9 luglio l’ex giudice del Consiglio di Stato Francesco Bellomo è stato arrestato in seguito ai risultati dell’indagine sul trattamento riservato alle borsiste. I messaggi delle ragazze emersi dall’inchiesta sembrano non lasciare dubbi.

Secondo quanto emerso dall’inchiesta ai danni di Francesco Bellomo, ex giudice del Consiglio di Stato e docente dei corsi di preparazione all’esame di magistratura, aveva creato un vero e proprio sistema di sfruttamento delle allieve. Alle aspiranti magistrato che seguivano il suo corso, infatti, era imposto un dress code (minigonna inguinale e tacco alto) ed un codice di comportamento dentro e fuori dall’aula, sia negli eventi pubblici che in quelli privati, quindi il divieto di nozze e tradimento.

A quanto pare, infatti, il docente faceva firmare alle allieve un contratto di esclusiva che una delle borsiste definiva con la sorella: “Un contratto di schiavitù sessuale”. Ogni comportamento ritenuto fuori luogo, come il frequentare qualcuno, abbigliarsi in maniera poco consona o mettere foto provocanti sui social era motivo di esclusione dal corso. Una delle ragazze è stata esclusa per aver ricevuto troppi like su una foto Facebook, il che l’ha resa agli occhi del docente “Scientificamente una prostituta”.

Bellomo, i messaggi delle Borsiste: “Peggio del Bunga Bunga”

Che il contratto consistesse anche in uno scambio di favori di natura sessuale (a vantaggio del docente) emerge sia da un messaggio che una delle ragazze escluse ha mandato ad un’amica: “Mi vergogno molto per essermi fatta abbindolare.Sento che hanno ancora presa su di me e non voglio cascarci. Sono malati. Se saltasse fuori la storia sarebbe il bunga bunga 2015”, che dalla testimonianza dell’ex fidanzata, la ragazza che con il suo esposto ha fatto partire l’indagine.

Nella propria denuncia la donna affermava: “Non so che visione abbia per le donne, ma le foto che mi faceva fare parlano chiaro. Mi vergognavo delle foto che sono stata costretta a mettere, mi facevo schifo da sola, mi sentivo messa in vendita”. Questi ed altri sono i dettagli che emergono dagli atti d’inchiesta (molti dei quali li potete trovare su Open) per la quale il docente è stato arrestato per maltrattamenti, calunnia ed estorsione.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram