Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Aveva supplicato la nonna di non rimandarlo dai genitori, bimbo riaffidato alla famiglia: morto

CONDIVIDI

Un bimbo di 4 anni, che era stato tolto alla sua famiglia e poi riaffidato ai genitori, è morto in circostante sospette. Pare che il piccolo avesse paura e non volesse tornare dalla sua famiglia

La morte del piccolo Noah Cuadro, bimbo di 4 anni, fa discutere in California. Il piccolo, secondo quanto dichiarato dai familiari, sarebbe annegato in piscina lo scorso 6 luglio, ma i medici di Palmdale che hanno esaminato il suo corpicino hanno trovato delle ferite mortali non compatibili con un annegamento. Andando in fondo alla questione, emerge un quadro di degrado familiare non indifferente: i servizi sociali avevano tolto il piccolo alla famiglia, salvo poi riaffidarlo ai genitori, e pare che il piccolo avesse esternato la paura di tornare a vivere in quella casa. La notizia è stata riportata da Metro.co.uk, nostra fonte per questo articolo.

Bimbo morto in circostanze misteriose in California, parla la nonna

Il piccolo Noah Cuadro, un bimbo di soli 4 anni, sei giorni fa è morto a Palmdale, in California. I genitori hanno dichiarato che il figlio è annegato nell’acqua di una piscina, ma i medici che hanno esaminato il corpo del piccolo sono di tutt’altro avviso: sono state riscontrate delle ferite mortali che raccontano un quadro diverso rispetto a quello delineato dalla coppia. Si tratterebbe di un omicidio. Tempo addietro i servizi sociali avevano tolto ai genitori la custodia del piccolo ed è emerso che il bimbo aveva paura di stare in compagnia dei genitori. La nonna del piccolo, la signora Eva Hernandez, si è presa cura di Noah nel periodo in cui i servizi sociali lo avevano allontanato dai genitori. La donna ha rivelato come il piccolo, lo scorso novembre, avesse detto di avere paura di vivere con mamma e papà. “Ho detto agli assistenti sociali: “Per favore. Lui non vuole andarsene. Lui vuole restare qui. Mi ha supplicato.” Mi ha detto: “Non rimandarmi indietro, nonna”. Non lo so, non potevo fare nulla. Ho dovuto semplicemente rimandarlo indietro”, ha spiegato la donna. Nonostante le suppliche del piccolo, la signora Hernandez ha dovuto rispettare il volere dei servizi sociali che lo hanno rimandato a casa, dove poi Noah è morto in circostanze per nulla chiare.

Bimbo morto in circostanze misteriose in California, i genitori non sono stati arrestati

Il piccolo Noah è stato tolto ai suoi genitori perché questi non si prendevano cura di lui e il suo corpo presentava segnali di malnutrizione. Il bambino ha vissuto per due anni con la nonna, ma lo scorso autunno i servizi sociali hanno deciso di farlo tornare a casa con i genitori. La situazione, però, non è affatto migliorata e Noah ha continuato a subire violenza, tanto che la nonna aveva ricontatto il Dipartimento per i Servizi per l’infanzia della contea di Palmdale per chiedere che venisse fatto un sopralluogo senza preavviso a casa della coppia. Secondo quanto rivelato dalla nonna del piccolo Noah, il Dipartimento avrebbe invece avvisato i genitori dell’ispezione: quando gli ispettori arrivarono a casa, quindi, trovarono tutto in ordine e niente da segnalare.  La Polizia ha interrogato i genitori del bimbo mercoledì, ma pare che- almeno per il momento- nessuno dei due sia stato arrestato per i fatti che hanno portato al decesso di Noah.

Maria Mento

 

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram