Home Notizie dal territorio

Cuginetti travolti da pregiudicato sotto effetto di alcol e cocaina: è morto anche il piccolo Simone

CONDIVIDI

Tragedia in Sicilia: Vittoria, cittadina nel ragusano, è stata teatro di un terribile incidente che ha visto la morte sul colpo di un ragazzino di 12 anni, con un secondo ragazzino – il cugino di 11 anni – trasportato in ospedale in condizioni drammatiche.

Condizioni drammatiche che lo rendono ancora in pericolo di vita, come affermato dalla direttrice dell’unità operativa di terapia intensiva neonatale del Policlinico di Mesisna, dove il piccolo è stato operato d’urgenza (operazione durata ben cinque ore): “Il bambino è stato operato ma purtroppo non abbiamo potuto salvargli le gambe che sono state tranciate durante l’incidente. Le sue condizioni sono stabili ma gravi, è ancora in pericolo di vita”.

Incidente a Vittoria, le dinamiche del terribile sinistro

L’incidente è avvenuto nella serata di ieri sera ed è stato causato da una grave incoscienza alla guida di un uomo, pregiudicato legato alle cosche mafiose locali, adesso accusato di omicidio stradale (l’uomo aveva un tasso alcolemico quattro volte superiore al limite consentito ed aveva anche assunto cocaina).

“A forte velocità ha azzardato un sorpasso in pieno centro città a Vittoria perdendo il controllo dell’auto e travolgendo due cuginetti di 11 anni seduti sul gradino di casa dei vicini mentre giocavano con il telefono cellulare”, sono le parole degli inquirenti riportate da Repubblica.

L’uomo, dopo l’incidente, s’è dato alla fuga come gli altri tre occupanti del veicolo (a loro volta vicini alle cosce mafiose), per questo sono stati denunciati per omissione di soccorso: “Gli altri tre occupanti del Suv anche se inizialmente hanno tentato di favorire l’autore dell’omicidio stradale, i tre passeggeri hanno deciso di fornire un’esatta dinamica di quanto accaduto addebitando ogni responsabilità al conducente. Utilissime anche le immagini di alcuni impianti di videosorveglianza acquisiti che hanno ripreso le fasi del sinistro stradale”.

Questo il commento del prefetto Filippo Dispenza, che con Giovanna Termini e Gaetano D’Erba, amministra da circa un anno il Comune di Vittoria sciolto per mafia: “E’un dolore profondo per noi e per tutta la comunità. Inaudito che la città sia ostaggio di questi criminali. Ho già interessato l’ufficio legale del Comune. Ci costituiremo parte civile nel processo a difesa della città e di tutti i cittadini per bene contro questi delinquenti. Stiamo provvedendo a proclamare il lutto cittadino nel giorno dei funerali, per onorare Alessio, povera vittima innocente e fare sentire la nostra vicinanza alle famiglie coinvolte di questa terribile tragedia, ai genitori, ai parenti di Simone, che sta lottando per la vita, vittima di gravissime mutilazioni”.

AGGIORNAMENTO 13 LUGLIO: su YouTube è stato postato il video, tratto da una telecamera di sorveglianza, di quello che sarebbe (doveroso il condizionale perché non si tratta di un canale ufficiale, ma l’orario e la data del video coincidono con orario edata del terribile schianto) il momento dell’incidente avvenuto a Vittoria.

Come è possibile vedere, l’automobile sbanda più volte, con il conducente che dapprima si dispera per l’accaduto per poi darsi alla fuga (si danno immediatamente alla fuga invece le altre tre persone all’interno del mezzo al momento dell’impatto).

Restano intanto gravissime le condizioni di Simone, il cuginetto scampato alla morte, cui sono sate amputate le gambe.

AGGIORNAMENTO 14 LUGLIO: E’ giunta la peggiore delle notizie. Il piccolo Simone non ce l’ha fatta: dopo più di due giorni di agonia il bambino travolto assieme al cuginetto – morto sul colpo –  è spirato intorno alle 12.

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram