Home Tempi Postmoderni Curiosità

Trieste, resiste l’ultimo lido con il muro che separa uomini e donne: “Meglio così”

CONDIVIDI

Trieste, resiste l'ultimo lido con il muro che separa uomini e donneUn lido in cui le donne e gli uomini sono ancora separati da un muro? Esiste, si trova Trieste e gli abitanti del luogo non vi rinuncerebbero per nessun motivo.

Pensare ad un luogo pubblico in cui uomini e donne debbano rimanere separati al giorno d’oggi è impensabile, specie se si tratta di una spiaggia o di una località balneare. Siamo abituati infatti a concepire i lidi e le spiagge come luoghi in cui godersi il relax, fare un bagno, ma anche dove fare conoscenza e intrattenere relazioni sociali (principalmente) con l’altro sesso.

Eppure esiste ancora un lido (Pedoncin) a Trieste in cui un muro separatore divide la popolazione di bagnanti in uomini (a destra) e donne (a sinistra). A portare alla luce questa insolita realtà è stata la ‘Repubblica‘ con un servizio dedicato che potete trovare a questo indirizzo. A quanto pare il lido è stato costruito in periodo di dominazione asburgica dunque prima della fine della Prima guerra mondiale e che il muro fosse stato ideato per evitare che uomini e donne si vedessero senza vestiti.

Trieste il lido dove uomini e donne sono divisi

Pensando al periodo storico in cui è stato costruito, risulta normale pensare che all’epoca ci fosse un senso del pudore differente da quello che c’è al giorno d’oggi. Quello che chi viene da fuori non capisce è il perché il muro non sia stato abbattuto per venire incontro ai costumi odierni (si tratta dell’unico lido in Europa con muro separatore). Ma sia il gestore del lido che i bagnanti spiegano che quel luogo permette loro di godersi una giornata di mare in serenità e che addirittura lo preferiscono ad un lido classico.

Come mai gli uomini e le donne di Trieste preferiscono andare in un lido in cui non possono incontrarsi con l’altro sesso? Semplice, perché in questo modo possono fare ciò che più gli piace: “Nella parte degli uomini vige il silenzio e si gioca a carte, in quella delle donne c’è un fracasso perché a loro piace chiacchierare, inoltre le mamme portano i bambini che si mettono a giocare e fare baccano”. Il limite può comunque essere valicato andando verso la fine del muretto o dove ci sono le boe, in questi due luoghi, infatti, uomini e donne si incontrano per parlare e poi ritornano dal proprio lato.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram