Il Movimento 5 Stelle vuole abolire il canone Rai, plauso della Lega: “Una nostra battaglia storica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:39

Il movimento 5 Stelle vuole abolire il canone RaiTorna in voga l’idea di abolire il canone Rai: il disegno di legge è stato presentato dal Movimento 5 Stelle ed ha ricevuto il plauso della Lega che da tempo propone l’abolizione della tassa.

L’abolizione del canone Rai potrebbe presto divenire una realtà. La tassa è da sempre malvista dagli italiani ed è stata evasa per decenni da milioni di cittadini (fino al 2016 circa il 25% degli italiani). Proprio l’evasione del canone è stato per anni un problema di non poco conto che vari esecutivi hanno cercato di risolvere,  e che è stato risolto quando il governo Renzi l’ha modificata da tassa a parte a tassa inclusa nella bolletta della luce.

Nel 2018, però, lo stesso Renzi ha giudicato il canone una “Tassa brutta”, avanzando l’ipotesi di toglierla del tutto. Il suo proposito non è mai andato in porto, anche perché nel frattempo, a marzo dello stesso anno, si è andati ad elezioni e l’allora Governo Gentiloni non ha avuto modo di fare una proposta di legge in tal senso.

Il Movimento 5 Stelle vuole abolire il canone Rai

La proposta di abolizione della tassa è stata depositata in parlamento in queste ore dal Movimento 5 Stelle. Il disegno di legge, firmato in prima istanza dalla deputata pentastellata Laura Paixa, prevede l’abolizione totale del canone Rai i cui introiti verrebbero sostituiti dall’inserimento di un numero maggiore di pubblicità: “Pensiamo all’ abolizione totale, definitiva, e per sostenere i mancati introiti abbiamo pensato a una modifica dei limiti di affollamento pubblicitario, così come avviene già per La7, per Mediaset e per le tv private”.

La stessa promotrice della legge, però, ci tiene a precisare che non si procederà ad una privatizzazione dell’emittente pubblica, bensì solo al ricorso di un finanziamento totalmente esterno che porterebbe, secondo lei, ad un miglioramento della qualità dei programmi prodotti: “Il nostro scopo è assicurare un prodotto televisivo di qualità e dal momento che il canone non lo garantisce cominciamo intanto con il togliere dalle spalle degli italiani il costo degli sprechi”.

L’iniziativa è stata apprezzata dalla Lega che da anni lotta per abolire il canone Rai. Il primo a commentare la proposta di legge è stato infatti l’attuale capogruppo della Commissione vigilanza della Rai, Massimiliano Capitanio: “l’allineamento del Movimento 5 Stelle alla battaglia storica della Lega”.