Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Allunaggio, realtà o inganno? Il caso delle ombre nelle foto e le teorie cospirative

CONDIVIDI

20 luglio 1969- 20 luglio 2019: 50 anni fa l’allunaggio. Lo sbarco della missione Apollo 11 alla luce delle teorie della cospirazione sul presunto grande inganno che si nasconde dietro

Il 20 luglio 2019 saranno trascorsi esattamente 50 anni dallo storico momento in cui l’uomo ha messo piede per la prima volta sulla Luna, con la missione Apollo 11 guidata da Neil Armstrong. Ma c’è chi ha sempre sostenuto che nessuno sia sbarcato sul nostro satellite e che sia stato tutto un inganno, ordito scattando delle foto (modificate con effetti speciali) che sono state diffuse dalla Nasa diventando iconiche di quel momento. Proprio le foto, negli anni, hanno dato modo ai teorici della cospirazione di discutere sulla loro eventuale falsificazione. Un articolo pubblicato dal Daily Star spiega come le presunte prove che stanno tanto a cuore ai cospiratori siano state ridimensionate.

Allunaggio, realtà o inganno? I cospiratori e le ombre che si vedono sulle foto dell’allunaggio

Nel corso dei decenni, i cospiratori hanno messo in dubbio la veridicità dell’allunaggio avvenuto il 20 luglio 1969. L’uomo non poteva essere andato sulla Luna perché allora, semplicemente, gli astronauti non disponevano dei mezzi per farlo: la tecnologia a disposizione dell’uomo negli anni ’60 non era sufficientemente all’avanguardia. Questa è la versione dei fatti che, per la prima volta, venne sostenuta nel 1976 attraverso la pubblicazione del libro “Non siamo mai andati sulla Luna” a opera di Bill Kaysing e Rendy Reid. Da quel momento in avanti si sono succedute diverse teorie che hanno preso di mira le foto dell’allunaggio diffuse dalla Nasa. Si tratterebbe non di foto autentiche ma di foto realizzate in studio, con effetti speciali e luci di scena, per ingannare il mondo e far credere davvero che l’uomo fosse stato sulla Luna. Sulle foto, e in particolare sulle ombre che si vedono nei fotogrammi, si concentrano le ultime teorie dei cospiratori. Nello specifico, sono state individuate delle ombre che secondo i cospiratori– se davvero gli scatti fossero stati realizzati sulla Luna- dovrebbero essere parallele tra loro e invece non lo sono.

Allunaggio, realtà o inganno? Risponde il Professore Anu Ojha

La teoria che riguarda queste famose ombre non parallele è stata però subito confutata da Anu Ojha (Centro Spaziale Nazionale), che ha spiegato che possiamo riprodurre questo fenomeno ogni volta che vogliamo sulla Terra. Le ombre non sono parallele a causa della prospettiva, del tentativo di ridurre una situazione tridimensionale su un piano bidimensionale. In sostanza, i cospiratori si starebbero attaccando a una distorsione non reale ma determinata dalla macchina fotografica per dire che quell’effetto sarebbe derivato dalle luci di studio e non dalla luce del sole riflessa sulla superficie lunare. Un’altra prova a sostegno della veridicità dell’allunaggio? L’utilizzo di luci di studio avrebbe provocato, in foto, la produzione di ombre multiple, che invece risultano assenti.

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram