Nek su Facebook: “E’ inconcepibile non si parli dell’agghiacciante vicenda di Bibbiano”. La fanbase si divide

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:03

Dopo Matteo Salvini con un post su Twitter, quest’oggi prende posizione sul caso di Bibbiano anche un personaggio che nulla a che vedere con il mondo della politica, il cantante emiliano Nek che – come padre – s’è sentito molto coinvolto nella vicenda:

Discordante la fanbase sulla presa di posizione del loro idolo.

Molte persone appoggiano la scelta di chiedere sia fatta maggiore luce sulla sordida vicenda di Bibbiano (detto che crediamo si stia facendo tutti il possibile per dare la copertura mediatica più adeguata), ma cè anche chi fa notare:

Fili’, ma santiddio, ma è un manifesto di neo-fascisti! Ma li vedi i font? Lo vedi quali caratteri sono evidenziati?!?
Capisco chi non ha mezzi. Ma tu stai nel mondo, vivi nel mondo, ti relazioni su più livelli, sai gestire registri, hai cultura: come puoi non capire che ti stai prestando a una strumentalizzazione bieca che nella storia sarà ricordata a fianco, non contro, la vicenda in sé degli abusi (ancora al veglio e dai contorni incerti)?
Ripeto: A FIANCO, non CONTRO.
Un secolo di cronaca nera mediatizzata, quando usata dalla politica, ha insegnato solo questo: chi strumentalizza certi fatti va a passeggio più o meno consapevolmente col carnefice.
Tra l’altro, se i giornali fossero letti si scoprirebbe che se ne parla, altro che tacere. E che lo si fa nel rispetto etico dei minori coinvolti. Mi auguro che questa sia una svista mal consigliata e che tu sappia usare più lucidità e prudenza su questo ed eventualmente in futuro.

Ed è il commento più votato, con oltre 500 like.

Leggi anche: Caso Bibbiano, come stanno le cose secondo quanto emerso ad oggi