Ragazzo perde gli occhi dopo gli scontri con la polizia: “Colpito da 52 pallini”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:06

perde gli occhi

I medici hanno dovuto rimuovere i bulbi oculari di un 16enne, rimasto gravemente ferito in seguito ai violenti scontri avvenuti in Venezuela

Le immagini del suo volto completamente coperto di sangue hanno fatto il giro del mondo. Sono quelle di un ragazzino la cui vita è cambiata per sempre dopo i violenti scontri con la polizia avvenuti nel corso di una manifestazione in piazza, che gli sono costati la vista. Troppo gravi le lesioni riportate: i medici non hanno potuto fare altro che rimuovere i due bulbi oculari del giovane, raggiunti da decine di pallini di gomma sparati dalle forze dell’ordine. L’episodio è avvenuto a Tariba, in Venezuela e la vittima è il giovane Rufo Chacon, un 16enne intervistato dalla Cnn dopo aver ricevuto dai medici la terribile notizia: “Vorrei piangere – ha dichiarato – ma non ne posso più, ho pianto abbastanza in ospedale”.

La drammatica dinamica dell’incidente

Il 16enne si trovava in piazza insieme alla mamma e al fratello per protestare contro la carenza di gas in città, conseguenza del collasso economico del Venezuela sommato al crollo della produzione delle raffinerie di gas. Non sono mancati scontri contro le forze dell’ordine e proprio in quei momenti il ragazzo ha riportato le gravi ferite: i medici, che hanno dovuto rimuovere ciò che restava dei suoi bulbi oculari, hanno affermato di non aver potuto estrarre alcune schegge ubicate nel viso e nella testa dal momento che si trovano troppo in profondità e si rischierebbero gravi conseguenze. Per pagare le cure di Rufo è partita una gara di solidarietà con centinaia di benefattori ed una clinica in Colombia ha offerto gratuitamente un intervento per sostituire le palpebre. Le violente azioni della polizia sono state condannate dalle autorità venezuelane e due ufficiali sono stati arrestati con l’accusa di tentato omicidio, alla quale si aggiungono l’utilizzo improprio di armi e il trattamento crudele; andranno entrambe a processo.