Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Brutale omicidio in strada: 15enne ucciso in diretta Snapchat

CONDIVIDI

Brutale omicidio in stradaL’omicidio di Cemeren Yilmaz, 15enne del Bedfordshire, è avvenuto in piena strada ed è stato filmato in diretta su Snapchat.

La morte di Cemeren Yilmaz è l’emblema di un problema sociale che in Inghilterra peggiora con il passare del tempo. Dal 2017 ad oggi le aggressioni e gli omicidi con coltello sono aumentati in maniera esponenziale nel Regno Unito, la maggior parte degli aggressori e delle vittime inoltre sono ragazzi in età adolescenziale (come il ragazzo ucciso davanti alla madre a Londra). L’omicidio di questo ragazzo di appena 15 anni è insensato, brutale e disumano.

Tutto nasce da una faida tra Cemeren ed la gang di Black Tom. Il ragazzo da qualche mese aveva deciso di abbandonare il gruppo per entrare a far parte di una banda rivale, i London Road, un gesto considerato come un tradimento. Poco dopo, infatti, Morgan, Djauna e Brown (3 dei quattro assalitori) avevano pubblicato un video su Youtube in cui avvisavano i rivali che sarebbero andati a prendere Cemz. In questi ultimi mesi il ragazzo aveva confidato al fratello di temere un’aggressione con coltello, sapeva che i Black Tom erano spietati e che se lo avessero preso sarebbe finita male, una previsione che puntualmente si è avverata.

Omicidio in diretta Snapchat: la ricostruzione dell’accaduto

Come raccontato da ‘Vice‘ la sera dell’omicidio Cemeren era uscito con un amico ed aveva preso un taxi per raggiungere la zona di Bedford per passare una serata tranquilla. Il caso ha voluto che i due si imbattessero in Morgan: decisi a fargli un torto i due gli hanno rubato un borsello e si sono dati alla fuga. Morgan ha chiamato il cugino 19enne Miller ed ha chiesto a Djauna e Brown di raggiungerlo per la caccia al “traditore”.

I primi a rintracciarlo sono stati Miller e Morgan (i due erano armati di coltello da cucina da 18 cm) nei pressi di Ashamed Road, dove Cemeren era in compagnia di un amico. Miller lo assale e lo butta a terra, Cemeren risponde colpendolo con un coltello a serramanico alla gola e cerca di scappare ma, mentre ci prova, Morgan lo accoltella alla schiena perforandogli un rene.

Il quindicenne cade a terra agonizzante ed il suo sangue si sparge per strada. Incuranti gli aggressori lo prendono a calci e pugni all’addome e alla testa. Poco dopo Cemeren riesce ad alzarsi e ad arrivare alle aiuole, ma viene intercettato da Brown e Djauna. Uno di loro lo colpisce con un martello, mentre l’altro filma la scena. Si sente la vittima che dice: “Mi sa che sto morendo” e successivamente implora: “Vi prego non uccidetemi”.

L’aggressione è stata fermata dal suono delle sirene dell’ambulanza e della polizia, l’amico della vittima aveva chiamato nel frattempo i soccorsi. Il quindicenne è stato portato in ospedale e operato d’urgenza, ma non è sopravvissuto. Nel corso dei successivi tre giorni tutti e quattro gli aggressori sono stati rintracciati e arrestati.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram