Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Giudice corrotto trascinato via dall’aula per essere portata in carcere: il video

CONDIVIDI

per essere portato in carcere - VIDEOL’ex giudice della Tribunale dei Minori della contea di Hamilton, Ohio, è stata condannata a 6 mesi di carcere per aver consegnato dei documenti confidenziali al fratello.

Il tribunale della contea di Hamilton ha giudicato colpevole Tracie Hunter, ex giudice del Tribunale dei Minori, di corruzione per aver consegnato un fascicolo riservato al fratello, ex impiegato del governo, allo scopo di aiutarlo in un’indagine e fargli mantenere il posto di lavoro. Il passaggio di documenti è stato scoperto nel 2014 e la prima conseguenza è stato il licenziamento di entrambi i fratelli.

In un primo processo il giudice era già stato condannato  per il reato commesso, ma la pena era stata sospesa poiché Tracie aveva fatto ricorso in appello. In questi 5 anni l’ex giudice Hunter si è sempre dichiarata innocente, sicura che la condanna in primo grado fosse una mossa politica: “Non ho violato alcuna legge, non ho assicurato nessun contratto pubblico, non ho assicurato un lavoro a mio fratello, che era membro della corte sette anni prima che venissi eletta giudice”.

Giudice trascinato via dall’aula: la rabbia dei sostenitori

In questi anni il movimento in favore del giudice è cresciuto, molte le donne e gli uomini convinti che la condanna fosse ingiusta e legata al fatto che Tracie fosse diventata il primo giudice afroamericano del Tribunale dei Minori. Lo stesso sindaco della città, John Croley, aveva chiesto al giudice di sospendere la pena carceraria, evidenziando come la perdita del posto di lavoro fosse una pena sufficiente e come l’ex giudice non rappresentasse una minaccia per l’ordine pubblico.

Ciò nonostante la sentenza ha confermato il giudizio di primo grado e Tracie Hunter è stata trascinata via dall’aula da un agente di polizia. Nel frattempo donne e uomini presenti hanno avuto un esplosione di rabbia, si sono alzati in piedi ed hanno cominciato ad urlare contro il magistrato e contro la sentenza.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram