Milano, maratoneta nudo semina e dribbla poliziotti prima di essere fermato – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01
Milano, maratoneta nudo semina e dribbla poliziotti
(Screenshot Video)

Questa mattina Milano ha ospitato un evento insolito: un maratoneta nudo che correva in mezzo alle auto alla ricerca di qualcosa. La polizia alla fine lo ha fermato e coperto non senza qualche difficoltà.

Probabilmente il caldo eccessivo di questi giorni di luglio, forse una scommessa persa con un amico, o semplicemente il risultato di una notte fuori dagli schemi. Quale che sia il motivo che ha spinto il maratoneta nudo a fare la sua comparsa questa mattina in viale Vittor Pisani a Milano, la sua presenza ha causato non pochi fastidi ai cittadini lombardi, alcuni dei quali hanno lamentato una mancanza di controllo e erto l’episodio ad esempio lampante del degrado in cui è caduta la città.

Maratoneta Nudo semina poliziotti prima di essere fermato

L’insolito corridore è stato segnalato alle autorità di zona che si sono catapultate sul luogo allo scopo di fermare e coprire l’atleta nudista. Secondo quanto raccontato da Riccardo De Corato, rappresentante di FdI, il giovane ha scartato un paio di essi e con uno scatto li ha seminati: “La Polizia presente nel piazzale si accorge del giovane atleta di colore e cerca di intercettarlo, ma, con uno scatto felino, il nudista lascia sul posto la decina di agenti accorsi per fermarlo e coprirlo. La sua corsa prosegue in via Vittor Pisani, dove nel frattempo sono accorse diversi volanti per cercare di intercettare l’uomo”.

Proprio De Corato è tra quelli che ritiene l’accaduto non un episodio solitario, ma l’emblema del degrado in cui si vive in alcune zone di Milano. Il politico utilizza l’accaduto per attaccare chi ritiene che le zone rosse previste dal Decreto Sicurezza non vadano applicate e conclude dicendo: “Milano intanto è ormai allo sfascio e l’episodio di questa mattina rappresenta l’ulteriore conferma”.

Potrebbe interessarti anche: Correva nudo in piazza urlando “Allah Akbar”, tunisino espulso: un anno dopo è ancora in Italia