Altro che Bibbiano, dall’Inghilterra una vicenda di abusi su minori in affido agghiacciante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:51

dall'Inghilterra una vicenda di abusi su minori in affido agghiaccianteL’indipendente Inquiry into Child Sexual Abuse ha portato alla luce un caso di abusi su minori in affido durato per circa 30 anni, dagli anni ’60 ai ’90, che ha sconvolto tutti i cittadini britannici.

Una storia, quella emersa dalle indagini su un “cold case“, che mette i brividi per violenza, disinteresse del benessere di soggetti deboli e omertà da parte di responsabili e autorità. Secondo quanto denunciato dalla ‘BBC‘, tra gli anni ’60 ed i 90’ nella contea di Nottingham si è verificato un sistematico abuso sui minori dati in affido temporaneo a famiglie o a centri di accoglienza di cui tutti (o quasi) sapevano, ma nessuno ha mai avuto il coraggio di denunciare.

Le sconvolgenti rivelazioni della principale emittente britannica si riferiscono ai risultati di un’indagine partita da una semplice verifica amministrativa. L’Independent Inquiry into Child Sexual Abuse ha lavorato a lungo sul caso, cercando di ricostruire connessioni e trovare prove degli abusi reiterati e favoriti da un sistema compiacente.

Agghiacciante caso di abusi su minori in Inghilterra

Quanto emerge dal rapporto è inquietante, i bambini che venivano ospitati nelle strutture venivano violentati quasi quotidianamente da diversi soggetti, abusi che venivano tollerati o ignorati dagli addetti alla sicurezza dei bambini. Ciò che sconvolge è che secondo il rapporto anche i responsabili dei servizi sociali e le autorità della contea di Nottingham erano a conoscenza di quanto accadeva ai bambini, ma nessuno lo ha mai denunciato.

Le violenze sarebbero cominciate a partire dagli anni ’60 e sarebbero andate avanti, senza soluzione di continuità, fino alla metà degli anni ’90. Un vero e proprio inferno dal quale sono passati migliaia di bambini e per il quale, vent’anni dopo l’ultimo caso di abuso, potrebbe essere difficile fare giustizia.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!