Jeffrey E. Epstein, il folle piano del miliardario americano accusato di stupro e traffico di minori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:21

L’eugenetica alla base di un folle piano ideato da Jeffrey E. Epstein , il miliardario accusato di stupro e traffico di minori. Ce ne parla The New York Times

Il caso di Jeffrey E. Epstein, il miliardario americano amico di Donald Trump e di Bill Clinton arrestato per stupro e traffico di minori, sta facendo molto scalpore negli States. Secondo un’inchiesta de The New York Times, l’uomo avrebbe avuto in mente un piano folle: quello di diffondere il più possibile il suo DNA nel mondo, ingravidando quante più donne possibili nel suo ranch che si trova nel New Mexico. Non ci sono prove del fatto che Epstein abbia effettivamente dato seguito alla sua idea, legata alle teorie dell’eugenetica, ma pare che l’uomo ne abbia parlato- nel corso degli anni- con scienziati e persone a lui vicine.

Jeffrey E. Epstein e l’eugenetica, le accuse di stupro e la vicinanza a determinati rami della scienza

Dopo lo scandalo di abusi sessuali che ha coinvolto il produttore cinematografico Harvey Weinstein, negli States un altro terremoto mediatico e giudiziario ha coinvolto Jeffey E. Epstein, il miliardario arrestato lo scorso giugno e  accusato di stupro e di traffico di minori. Epstein avrebbe abusato di numerose ragazze minorenni nelle sue ville di Manhattan e Palm Beach e potrebbe rischiare di dover scontare 45 anni di carcere. Già nel 2008 il miliardario era stato coinvolto in una vicenda simile, ma ne era uscito grazie a un accordo firmato dal Procuratore generale Alexander Acosta. Ma questa non è l’unica, inquietantissima, realtà nella quale Epstein sarebbe coinvolto. Pare che il miliardario sia affascinato da campi come l’eugenetica (cioè quelle teorie e quelle pratiche che mirano a migliorare la qualità genetica di una determinata popolazione umana. Scopo perseguito anche dai nazisti) e sulla crionica, cioè il congelamento dei corpi a scopo di ritorno in vita nel futuro.

Jeffrey E. Epstein e l’eugenetica, l’idea del miliardario per portare avanti la sua stirpe

Dopo aver iniziato una importante escalation economica, nel mondo della finanza e del trading, ed essere riuscito a mettere insieme un patrimonio personale elevato, Jeffrey E. Epstein si è circondato di numerosi scienziati, alcuni dei quali hanno ricevuto da lui dei finanziamenti per portare avanti le loro ricerche. Non di rado Epstein organizzava delle cene, e a volte in quelle occasioni confidava ai suoi ospiti le sue idee. Tra queste c’era anche quella di mettere al mondo numerosi figli, utilizzando il suo ranch del New Mexico come base per ingravidare più donne possibili con il suo seme. Secondo le rivelazioni fatte da chi ha ascoltato i suoi discorsi, l’impressione è quella che Epstein volesse manipolare i geni per perpetuare il proprio DNA e che quelle cene gli servissero  per selezionare delle personalità che facessero parte del suo progetto (qui il link all’articolo de The New York Times).

Maria Mento