Avvelenava sua moglie, scoperto grazie alle telecamere. Ma la pena è di soli due mesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:01

marito avvelenamentoUn uomo è stato arrestato dopo che sua moglie ha scoperto un tentativo di avvelenamento.

Therese Kozlowski ha cominciato ad avere dei sospetti dopo essersi accorta che si ammalava tutte le volte che il marito, un uomo di 22 anni di nome Brian, le preparava il caffè.

Per vederci più chiaro, la donna ha deciso di installare delle telecamere nella loro casa a Macomb Township, nel Michigan. Le immagini catturate dalle telecamere che l’uomo metteva qualcosa nella bevanda, ovvero dell’antistaminico: lo riporta il quotidiano “Metro”.

Il marito ha iniziato ad avvelenarla nel 2018 mentre aspettavano il divorzio. Therese ha detto che il caffè le provocava stanchezza, vista offuscata e sensazione di malessere generale.

Condannato a soli due mesi, il procuratore: “Uno schiaffo”

La donna è convinta che il marito stesse cercando di ucciderla: basti pensare che in un’occasione Therese si è quasi addormentata al volante della sua auto.

Ma nonostante ciò, l’uomo ha ricevuto una condanna di soli due mesi. Il procuratore Eric Smith ha dichiarato che la condanna a 60 giorni è stata uno “schiaffo di fronte alla vittima e al sistema giudiziario in generale”.

“La Corte sembrava più concentrata nel garantire la libertà del marito di continuare a lavorare rispetto alla vittima e alla sua sicurezza – ha detto il procuratore – È preoccupante pensare che qualcuno che commette un tale crimine come l’avvelenamento sia in grado di cavarsela così a buon mercato”.