Corinaldo, tragedia in discoteca: arrestati 7 giovani. Erano dediti a furti e rapine

discoteca corinaldo Sono sette i giovani arrestati per la strage avvenuta alla discoteca Lanterna Azzurra. 

La notte dell’8 dicembre 2018, nel locale di Corinaldo, in provincia di Ancona, sei persone morirono in seguito al panico causato dallo spray urticante sparato in mezzo alla folla. Altre 120 persone rimasero ferite.

All’interno della discoteca Lanterna Azzurra era in programma un concerto del noto rapper Sfera Ebbasta. A perdere la vita furono 5 giovani di età compresa tra i 14 e 16 anni e una madre che aveva accompagnato la figlia di 11 anni.

Tutte e sette le persone incarcerate risultano residenti in provincia di Modena. Sono tutti accusati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti con strappo e rapine.

Salvini ringrazia i carabinieri: “Ora galera certa”

Come riportato dal quotidiano “La Repubblica”, sei degli individui colpiti dal provvedimento di custodia cautelare emesso dal GIP del tribunale di Ancona devono rispondere anche di omicidio preterintenzionale, lesioni personali e singoli episodi di rapine e furti con strappo.

I giovani arrestati, tutti con un’età compresa tra i 19 e i 22 anni, facevano parte di una vera e propria banda criminale dedita a furti e rapine. Gli obiettivi dell’associazione a delinquere erano proprio le discoteche del Centro e Nord Italia. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha ringraziato i carabinieri e ha chiesto “galera certa” per i responsabili.