Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Messico, bimbo di 9 anni rapito per essere venduto: il prezzo? 2500 dollari

CONDIVIDI

Bimbo di 9 anni rapito

Storia dell’orrore in Messico per un bimbo di 9 anni rapito per essere venduto. Dagospia racconta che sono tre le persone ad essere finite in manette con l’accusa di cospirazione e di traffico di minori. Il piccolo era stato portato in Texas.

Bimbo di 9 anni rapito: venduto per 2500 dollari

La prima accusata è una ventiseienne messicana, Elida Moreno, la quale ha venduto il certificato di nascita di suo figlio  per 1700 dollari al fine di trasferire il bambino rapito in America.

Secondo la polizia locale, pare che la donna sia entrata negli Stati Uniti usando un Eagle Pass, in Texas, dove lei e il bimbo si sono fermati in un hotel. Sono pii ripartiti il giorno successivo con una navetta per San Antonio. Moreno ha poi incontrato Nery Dominguez, 26 anni, a Santa Rosa Park: ivi doveva lasciare il piccolo in cambio di 2.500 dollari. Tuttavia qualcosa è andato storto: i giovani hanno cominciato a litigare attirando l’attenzione delle forze dell’ordine che sono intervenute ed hanno arrestato Dominguez.

Moreno in fuga e poi fermata

Moreno in quel momento è riuscita a scappare con il bambino, riuscendo a consegnarlo nelle mani di Victor Monsivais, 65 anni in un’area di sosta per mezzi pesanti di San Antonio.

Tuttavia le forze dell’ordine erano in moto per trovare il piccolo. E così la Homeland Security Investigations ha trovato l’uomo con il bambino in un parcheggio di San Antonio e ha fermato la Moreno a Batesville, in Texas.

La donna è accusata di «aver portato illegalmente un bimbo negli Stati Uniti a scopo di lucro e di dichiarazione falsa a un funzionario federale».

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram