Follia del sabato notte: 33enne travolge due giovani con la sua Mini Cooper. Morto anche il secondo ragazzo

Momenti di follia in provincia di Bergamo ed è tragedia: nel cuore della notte – intorno alle 4 – un uomo di 33 anni ha travolto con la propria auto due giovani di 18 e 21 anni, uccidendoli.

Le dinamiche sono ancora poco chiare – le forze dell’ordine stanno lavorando per ricostruirle – ma parrebbe che dopo essere usciti da una discoteca di Orio al Serio (in provincia di Bergamo) i due giovani sarebbero stati travolti da un’auto – parrebbe una Mini Cooper – prima di essere trasportati in ospedale, in gravissime condizioni.

I due ragazzi – Luca Carissimi, 21 anni, e Matteo Ferrari, 19, entrambi di Bergamo – non ce l’hanno fatta nonostante il pronto trasporto presso l’ospedale Papa Giovanni: i due sono morti, dopo essere giunti in condizioni disperate.

Secondo quanto riportato, l’uomo alla guida della Mini Cooper avrebbe agito volontariamente a seguito di una lite, avvenuta in precedenza per futili motivi (si parla di apprezzamenti fuori posto ad una ragazza).

Il 33enne è stato arrestato per omicidio stradale e omissione di soccorso: l’uomo si è infatti dapprima allontanato dal luogo dell’incidente, per poi presentarsi più tardi alla polizia.

EDIT: Matteo Ferrari si troverebbe in gravi condizioni ma non sarebbe morto, come comunicato in prima battuta dalla polizia stradale. I due giovani si trovavano in sella a uno scooter – una Vespa – fuori dalla discoteca al momento dello schianto.

AGGIORNAMENTO 5 AGOSTO

Matteo Ferrari non ce l’ha fatta: il giovane travolto in compagna di un amico mentre si trovavano in sella alla propria Vespa è infatti morto nel pomeriggio di oggi. L’accusa contro il 33enne autore del folle gesto – Matteo Scapin – diventa adesso di duplice omicidio volontario: l’uomo è risultato inoltre positivo all’alcol test,,

La famiglia di Matteo Ferrari ha autorizzato l’espianto e la donazione degli organi del giovane, giunto in ospedale in condizioni disperate.

Secondo quanto riportato, le telecamere di sicurezza della zona mostrano la Mini Cooper di Scapin, con la fidanzata sul sedile del passeggero, affiancare i due ragazzi in Vespa mentre procedono assieme ad altri amici, prima di entrare in contatto, tamponando ed investendo i due. L’uomo è quindi fuggito senza prestare soccorso, per poi chiamare il 112 solo una ventina di minuti dopo, dichiarandosi responsabile dell’incidente.