Agguato improvviso in strada, ucciso il noto ultrà Diabolik

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:27

fabrizio piscitelli diabolik ucciso

E’ morto Fabrizio Piscitelli, noto come Diabolik, noto ultrà della curva laziale, freddato da un colpo di pistola esploso da distanza ravvicinata

Un agguato improvviso che non gli ha lasciato scampo. E’ morto così il noto ultrà Fabrizio Piscitelli, meglio conosciuto come Diaboli, considerato una delle figure di punta della curva della Lazio. L’omicidio è avvenuto a Roma, sulla via Tuscolana, nel Parco degli Acquedotti: è qui che è stato messo a segno un agguato in piena regola utilizzando un’arma da fuoco con la quale, da distanza ravvicinata, è stato colpito Piscitelli che, raggiunto da un proiettile alla testa, si è accasciato a terra perdendo la vita.

Omicidio ultrà, la ricostruzione dei fatti

E’ accaduto intorno alle 19: il colpo di arma da fuoco ha raggiunto l’ultrà alle spalle, all’altezza dell’orecchio e la morte è sopraggiunta in una manciata di secondi. E’ stato un passante a lanciare per primo l’allarme e sul posto, in pochi minuti, sono arrivati gli uomini della polizia di stato ed un’ambulanza. In passato ‘Diabolik’ si era ritrovato implicato in una vicenda di droga; secondo una prima ricostruzione il colpo sarebbe partito dall’arma impugnata da un uomo che stava facendo jogging e che, improvvisamente, si sarebbe avvicinato a Piscitelli che si stava recando ad incontrare un’altra persona che lo attendeva.