Home Tempi Postmoderni Animali & Ambiente

Gigantesco Ragno banana cattura un pipistrello nella tela, la foto è impressionante

CONDIVIDI

Ragno bananaUna donna del Texas ha postato sul web le impressionanti immagini di un gigantesco ragno banana che cattura un pipistrello. Le foto sono decisamente poco indicate per chi soffre di aracnofobia.

Tra tutti gli esseri viventi con cui si entra quotidianamente (o quasi) a contatto, i ragni sono forse quelli che generano maggiore paura tra le persone. Sono tantissimi coloro che sono terrorizzati da questi aracnidi, anche in zone del mondo in cui le specie presenti sono sostanzialmente inoffensive e grandi quanto una formica (da noi bisogna prestare attenzione al ragno violino). Se siete amanti della natura vedere cacciare un ragno in un documentario potrebbe essere uno spettacolo, ma anche per voi trovarsi di fronte ad un enorme ragno cacciatore che fa capolino dalla porta d’ingresso può essere inquietante.

Questo è quanto è capitato Annette Alaniz Guajardo, donna residente in Texas che la scorsa mattina si è trovata di fronte un gigantesco ragno delle banane (o phoneutria) che stava intrappolando e immobilizzando un grosso pipistrello. Inquietata e affascinata al tempo stesso dalla scena, la donna l’ha fotografata e messa sul proprio profilo Facebook.

Al ritorno dal lavoro il Ragno banana ha chiuso il pipistrello nel bozzolo

Di ritorno da lavoro, il primo pensiero di Annette è quello di andare a controllare se il ragno e la sua preda sono ancora davanti alla porta d’ingresso. Preso lo smartphone in mano decide dunque di fare una diretta e filma la zona di caccia del ragno delle banane. L’aracnide nelle ore intercorse ha finito di uccidere la preda e l’ha avvolta in un bozzolo per conservarla per tempi di magra.

L’esemplare che alloggia nella casa texana è probabilmente una femmina, visto che ad occhio sembra superare i 7 centimentri di lunghezza. Gli esemplari maschi infatti, non superano i 3 centimetri. Questa specie è velenosa ed è solita inoculare il veleno nelle proprie vittime tramite un morso. Il veleno è decisamente tossico, le neurotossine (per gli esseri umani ci vogliono alte concentrazioni, dunque non con un singolo morso) intaccano le sinapsi e causano la perdita di sensibilità dei muscoli e problemi respiratori. Nei casi più gravi possono causare addirittura asfissia.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram