Home Anticipazioni

Rassegna Stampa | Titoli principali quotidiani del’11 agosto 2019

CONDIVIDI

Le principali notizie riportate sulle prime pagine dei cinque quotidiani più venduti in Italia.

 

Corriere della Sera

-“Cresce il partito contrario al voto

La crisi. «Lodo Grasso» per ritardare le dimissioni di Conte il leader leghista: cercano l’accrocchio. Contestazioni in Calabria

Il ritorno di Grillo: cambiare il Paese, altro che elezioni. Renzi: folle andare subito alle urne

Dobbiamo fare dei cambiamenti? Facciamoli subito, altro che elezioni, salviamo il paese dal restyling in grigioverde dell’establishment, che lo sta avvolgendo! Come un serpente che cambia la pelle”. Con un intervento lungo 30 righe, e intitolato “La coerenza dello scarafaggio”, Beppe Grillo è tornato in campo dopo 3 anni e mezzo dall’abbandono della scena politica. Il fondatore dei grillini non vuole le elezioni subito ed  d’accordo con l’idea di Luigi Di Maio: votare prima il taglio dei parlamentari e solo dopo la sfiducia a Conte.  Mossa che allungherebbe i tempi delle nuove elezioni. E su Matteo Salvini afferma: “Se la gente vedesse le cose per come sono capirebbe che quella di Salvini è una fuga e non un tradimento. Lui scappa dagli impegni che ha preso perché è un infiltrato dell’establishment che si sente scoperto. Sta scappando dal governo e dagli italiani remando nel lago del loro risentimento”.

-“Lo scandalo e la morte in cella

La fine del miliardario Epstein

Negli Usa. Era accusato di abusi sui minori. Trovato impiccato, inchiesta dell’FBI

Jeffrey Epstein è morto. Dopo un tentativo di suicidio andato a vuoto, il miliardario statunitense accusato di traffico di minori e sfruttamento sessuale è morto impiccato in cella. Si tratta, almeno fino a prova contraria, di un suicidio. L’FBI e il dipartimento di giustizia hanno aperto due inchieste perché pare ci siano molti aspetti da chiarire in questa vicenda, e più di un sospetto che su questo decesso non sia stata detta la verità.

 

Il Sole 24 Ore

Tesoro a caccia di 125 miliardi

Pesa il rischio di crisi e spread

Titoli di Stato. Queste le emissioni degli ultimi mesi 2019: per ora nessun allarme sulle aste, ma c’è il pericolo di un aumento di costi con effetti negativi sulla manovra. Domani nuovo test sui mercati

-“Renzi lancia la sfida: esecutivo salva conti

E Grillo: no alle urne

La priorità è evitare l’aumento dell’Iva. Vanno trovati 23 miliardi di euro. Perché un commerciante deve pagare la recessione che l’aumento dell’Iva comporterà? Che colpa ne ha quel commerciante se Salvini si è stancato di Toninelli? Che Toninelli sia incapace noi lo diciamo da anni. Salvini se ne è accorto solo adesso? Se votiamo subito l’Iva va dal 22 al 25%? Prima togliamo le clausole e poi si vota. Ieri abbiamo bruciato 15 miliardi, lo spread è alto, i risparmiatori soffrono. E con Salvini che chiede “pieni poteri”, i mercati temono l’uscita dall’euro. Si andrà a votare, certo. Ma prima vengono i risparmi degli italiani, poi le ambizioni di Capitan Fracassa”. Così Matteo Renzi in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. Bisogna evitare le elezioni immediate, e dello stesso avviso sembra essere Beppe Grillo. Il confronto sulle posizioni di due leader che remano contro la volontà di Salvini di andare subito alle urne.

 

La Gazzetta dello Sport

-“Neymar libera tutti”

Effetto domino. Il trasferimento del brasiliano può sbloccare il mercato

Leonardo ammette: trattative avanzate con Real e Barcellona

Il Psg pu sostituire O Ney con Dybala che aprirebbe la giostra: Juve su Icardi, Dzeko all’Inter, Higuain per la Roma. Al club francese anche Donnarumma. Cartellini, commissioni e ingaggi: un clamoroso giro di affari da oltre un miliardo!

La via per le ultime mosse di calciomercato passa per la cessione di Neymar, che dovrebbe lasciare il Psg per approdare o al Real Madrid  o al Barcellona. La cessione del brasiliano porterebbe al Psg una liquidità tale da poter rendere fattibile l’acquisto di Paulo Dybala dalla Juventus. Per il giocatore juventino sono già andati a vuoto due tentativi di cessione, con Manchester United e con Totthenham. La partenza di Dybala, a sua volta, aiuterebbe per l’arrivo di Mauro Icardi dall’Inter, che chiuderebbe il su calciomercato (forse) con l’arrivo di Dzeko dalla Roma.

 

La Repubblica

-“C’eravamo tanto odiati”

Svolta nella crisi

A sorpresa Grillo torna in campo: “No al voto, fermiamo i nuovi barbari”. Renzi apre a un possibile accordo per un governo istituzionale. A rischio il piano contro il rialzo dell’Iva: un costo di 1200 euro a famiglia in 2 anni

Salvini: “Un patto tra Pd e 5S è da disperati, Mattarella li fermi”

Matteo Salvini ha invocato l’intervento del Presidente della Repubblica sulla possibile alleanza tra renziani e M5S. L’ipotesi di un governo istituzionale, che in qualche modo metterebbe d’accordo sia i grillini sia l’ex Presidente del Consiglio, è la via di fuga più probabile che sta prendendo corpo in queste ore.

-“La vita sospesa di Genova senza il Ponte”

Un anno dopo il crollo

Tra tre giorni si ricorderà  il primo anniversario del crollo del Ponte Morandi di Genova. La città ligure a un anno dal disastro.

 

La Stampa

-Grillo preme su Di Maio

“Patto contro i barbari”

La trattativa tenta Renzi

Il Premier Conte prova a tranquillizzare l’Europa in vista del vertice G7

Salvini: disposto a lasciare il ministero dell’Interno, ma poi subito al voto

La crisi che ha colpito il Movimento 5 Stelle ha determinato il ritorno in campo di Beppe Grillo, che ribadito di essere tornato per fare “patto contro i barbari”. In queste ore è  cresciuto il fronte del “no alle elezioni”, che vede d’accordo i 5 Stelle ma anche Matteo Renzi (che non vuole le elezioni immediate). L’idea, probabilmente, è quella di dare vita a un governo di transizione che permetta di varare una manovra, tagliare i parlamentari e mettere in cantiere una legge elettorale proporzionale. Un governo salva conti, in poche parole. E benché Renzi nei giorni scorsi abbia categoricamente smentito i contatti con il M5S di cui i media avevano parlato, il rumor di una possibile alleanza tra grillini e una parte del Pd non si placa. Intanto, Salvini sta facendo di tutto per arrivare alle elezioni prima possibile: per questo il Ministro sarebbe disposto anche a rinunciare al suo ministero.

-“Epstein, il miliardario molestatore suicida in cella a New York

Dalla vita dorata al baratro mortale

Il presunto suicidio di Jeffrey Epstein, che ieri si sarebbe tolto la vita impiccandosi nella sua cella. Circa un mese fa l’arresto e le gravissime accuse. Ci sono delle ombre sulla sua morte: si indaga.

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram