Renzi vuole correre da solo? Zingaretti lancia l’appello: “Restiamo uniti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:33

Zingaretti lancia un appello: "Restiamo uniti"Matteo Renzi si dice favorevole a creare un governo di scopo per approvare la Manovra, Zingaretti lancia un appello al collega dei Dem chiedendo di rimanere uniti.

La scissione nella maggioranza creata da Matteo Salvini ha messo il Paese davanti ad una crisi di Governo che potrebbe portare ad elezioni anticipate già ad ottobre. Al momento in Parlamento si discute della possibilità di fissare una data per la votazione della fiducia, atto politico dovuto per rimettere l’incarico al Presidente della Repubblica (sarebbe stato evitato solo in caso di dimissioni di Conte).

Nel frattempo Matteo Renzi ha alzato una voce fuori dal coro, aprendo alla possibilità di fare un governo di scopo che traghetti l’Italia sino alla fine del 2019, per approvare una legge di Bilancio che eviti l’innalzamento dell’Iva al 25% e spese inutili agli italiani. Il suo appello al momento pare non abbia trovato riscontri positivi (se si eccettua Grillo), ma nei prossimi giorni i parlamentari ne discuteranno.

Zingaretti lancia un appello a Renzi: “Restiamo uniti”

Chi è sicuramente contrario a questa prospettiva è Matteo Salvini, il quale ha già cominciato i tour elettorale (contestato abbondantemente in Sicilia) e trovato un’intesa di massima con Fratelli d’Italia e Forza Italia per la prossima campagna elettorale. Anche Nicola Zingaretti, segretario generale del PD, ritiene più saggio andare ad elezioni il prima possibile, convinto del fatto che un governo di scopo permetterebbe alla Lega di ottenere ulteriori consensi.

Proprio per questo il segretario dei dem ha lanciato un appello a Renzi, chiedendogli di non spaccare il partito: “Non è credibile l’ipotesi di un governo per fare la manovra economica e portare poi alle elezioni, sarebbe un regalo a una destra pericolosa che tutti vogliono fermare. Apriamo la crisi e vedremo con il presidente Mattarella qual è la forma migliore e più credibile per contribuire a salvare l’Italia. Di fronte ai pericoli che ci sono per la democrazia sarebbe sbagliato dividerci”. Il timore è che questa mossa politica sia finalizzata anche alla costruzione di un nuovo partito composto da scissionisti del PD in vista di un elezione nel 2020.