Home Tempi Postmoderni Tech & Web

Morte Nadia Toffa: post irriguardosi, la Taffo denuncia gli autori

CONDIVIDI

Nadia ToffaLa notizia della morte di Nadia Toffa è giunta solo da poche ore e già girano post irriguardosi, alcuni di questi sono stati denunciati dalla Taffo, un’agenzia funebre.

La notizia della morte di Nadia Toffa ha sconvolto il mondo della televisione e del giornalismo, dei quali era una professionista affermata e apprezzata, ma anche moltissimi italiani che semplicemente erano suoi fan e che speravano che potesse uscire vincente dalla lotta alla malattia (sebbene lo spirito con cui l’ha affrontata è in ogni caso da vincente). Questa mattina Le Iene hanno condiviso un commovente post in cui la ringraziano per gli attimi di vita passati insieme e per la sua amicizia e si augurano che possa perdonarli per non essere stati in grado di salvarla come avrebbero ardentemente desiderato.

Non tutti, però, hanno rispettato questo solenne momento di lutto e, come accade ormai da diverso tempo, gli hater hanno approfittato del dolore di molti per mancare di rispetto ancora una volta alla conduttrice. Il primo a denunciare i post irriguardosi nei confronti di Nadia è stato il proprietario dell’agenzia funebre Taffo, coinvolto suo malgrado nell’ironia becera di alcuni utenti internet.

Morte Nadia Toffa: l’agenzia funebre Tasso denuncia l’uso improprio del suo nome

In un post che vi condivideremo in calce alla notizia, si legge il proprietario dell’agenzia che mette in chiaro di non essere coinvolto con i post che girano in rete: “Stanno usando il nostro nome per post meschini circa la morte di #NadiaToffa. Non è opera nostra, seguiranno denunce”, scrive Davide Colonnacci che successivamente mostra uno di questi post.

Si tratta di una foto di Nadia Toffa utilizzata a mo’ di santino sotto la quale si legge “Nadia Taffo, benvenuta in famiglia”. Evidente che si tratti di un gioco di parole tra il nome dell’agenzia e quello della conduttrice defunta e che l’autore gioca sul fatto che questa si occupi proprio di servizi funerari. Quello peggiore, però, è un altro post in cui si cita sempre Taffo ed in cui si legge: “Vendo protesi odontoiatrica in ceramica causa cessata attività. No perditempo. Citofonare Taffo”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram