Rassegna Stampa | Titoli principali quotidiani del 15 agosto 2019

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:04

Le principali notizie riportate sulle prime pagine dei cinque quotidiani più venduti in Italia.

 

Corriere della Sera

-“Migranti, il Tar riapre il caso

L’ira del premier che scrive al Viminale: dovete salvare i bambini. La Difesa invia due navi

Trenta li soccorre. Nuovo stop di Salvini che insiste: il 20 sfiducio Conte

Il Tar del Lazio è intervenuto nel caso della Open Arms, accogliendone il ricorso, e ha deciso di sospendere il divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane. “Pensate in che Paese strano viviamo, dove un avvocato del Tribunale amministrativo del Lazio vuole dare il permesso a sbarcare in Italia ad una nave straniera carica di immigrati stranieri. Io firmerò nelle prossime ore il mio no perché non voglio essere complice dei trafficanti. C’è una nave spagnola, in acque maltesi che si rivolge ad un tribunale italiano, ma non si capisce perché. C’è il chiaro intento di andare indietro, tornare ad aprire i porti italiani e far diventare l’Italia il campo profughi d’Europa: finché avrò vita non mi arrendo a questa vergogna“, ha detto Salvini. Conte, ieri mattina, aveva scritto una lettera a Salvini chiedendogli di intervenire per soccorrere i minori. Il Ministro Elisabetta Trenta non ha firmato il divieto come chiesto dal Ministro dell’Interno e ha inviato due navi della Marina militare in soccorso.

-“Genova vuole giustizia

Applausi a Mattarella

Un anno dopo

Ieri le massime cariche dello Stato hanno presenziato, a Genova, alla commemorazione del primo anniversario della tragedia del crollo del Ponte Morandi. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha fatto coraggio ai parenti delle 43 vittime, è stato accolto dalla folla con un lungo applauso.

 

Il Sole 24 Ore

-“Germania e Usa, allarme recessione”

Congiuntura

Il Pil tedesco nel secondo trimestre arretra dello 0,3%

Pesano dazi e crisi dell’auto

Il made in Italy teme impatto sulle filiere automotive e meccanica

Produzione -1,6% nell’area euro a giugno

Male anche la Cina, ai minimi da 17 anni

Lo scontro sui dazi e il mercato dell’auto in crisi affossano Germani e Cina, facendo temere lo spettro di una nuova recessione. E infatti il Pil tedesco, nell’ultimo trimestre, ha fatto segnare il segno meno. Questo potrebbe influenzare negativamente il made in Italy, specialmente nei settori automotive e meccanica. La Cina, dopo 17 ani di crescita, rallenta all’improvviso. Il debito italiano, intanto, ha raggiunto la cifra record di 2386 miliardi: lo ha certificato Bankitalia.

-“Salvini: il 20 sfiduceremo Conte

Reddito e migranti, scontro aperto

Crisi di governo

Martedì prossimo il premier potrebbe però dimettersi per evitare il voto di sfiducia

Schiaffo del tar del Lazio al Matteo Salvini sul caso della Open Arms: sospeso il divieto per l’attracco nei porti italiani. Il Ministro non cede e dichiara che il 20 agosto sfiducerà il premier Conte. Che, a questo punto, potrebbe dimettersi per evitare la sfiducia ed eventualmente presentarsi alle prossime elezioni come candidato a premier del M5S, visto il grande sostegno morale ottenuto dai cittadini: per ora, non c’è certezza su come potrebbe evolvere questa crisi di governo.

 

La Gazzetta dello Sport

“Juve tanta Joya”

Tradizione. Davanti a Sarrie al Presidente Agnelli, l’argentino fa faville

Doppietta di Dybala che conquista il popolo bianconero nella classica di famiglia a Villar Perosa.

Paratici: «Paulo è il nostro 10, un grande

Icardi? Per ora è dell’Inter»

Dietrofront della Juventus sulla cessione di Paulo Dybala? Ieri si è tenuta la tradizionale festa della Juventus a Villar Perosa, alla presenza del Presidente Agnelli. La Juventus hs giocato la sua amichevole e Joya- questo il soprannome di Dybala- ha mostrato di essere in ottime condizioni mettendo a segno due reti. Per lui sono arrivati i complimenti di Paratici che ha detto “È il nostro numero 10”. Stop all’arrivo di Icardi, dunque?Per ora, Icardi è dell’Inter” , ha sentenziato in modo sibillino il Chief Football Officer della Vecchia Signora.

 

La Repubblica

-“Il fronte del porto”

La crisi finisce in mare

I 5S sfidano Salvini, navi militari mandate dalla ministra Trenta a scortare i migranti della Open Arms

Sentenza del Tar dà via libera all’Ong che fa rotta a Lampedusa. Il leader leghista: non li farò sbarcare

Genova un anno dopo, gelo nel governo. Allontanati i manager di Autostrade

Nonostante il Tar del Lazio abbia dato ragione a Open Arms, accogliendo il ricorso della Ong, Salvini è intenzionato a non far sbarcare a Lampedusa i migranti che la nave trasporta. Il Ministro ha annunciato che farà ricorso, ma contro la sua posizione si sono schierati sia il Ministro Trenta sia il Premier Conte. Il governo, ormai evidentemente spaccato, ha presenziato alla cerimonia di commemorazione del primo anniversario del crollo del Ponte Morandi a Genova. È gelo tra Di Maio e Salvini.

 

La Stampa

-“Dal Tar schiaffo a Salvini

Open Arms a Lampedusa

Conte ordina: giù i minori”

Si sblocca la vicenda migranti. I giudici: eccesso di potere, travisamento dei fatti

Il vicepremier non cede: “Faremo ricorso”. Il premier: sei irresponsabile

In primo piano la notizia dell’accoglimento del ricorso della Open Arms da parte del Tar del Lazio. Salvini ha già annunciato che il Viminale farà ricorso presso il Consiglio di Stato. Per lui il “richiamo” scritto del premier Conte, che ieri gli ha inviato una lettera contenente la richiesta di assistenza ai minori.

Maria Mento