Un automobilista ha travolto e ucciso un uomo che stava passeggiando in compagnia del figlio. Il pirata della strada è fuggito senza prestare i dovuti soccorsi: le Forze dell’ordine lo hanno arrestato nella notte

Tragedia  a Castel Volturno, dove sabato sera un giovane papà è stato travolto e ucciso da un’auto pirata. L’uomo, quando è successo il fattaccio, stava facendo una passeggiata con suo figlio, un bambino di sei anni. L’automobilista, che si trovava alla guida di un suv Bmw AX6, non si è fermato per soccorrere l’uomo che aveva investito. Nella notte tra sabato e domenica i Carabinieri lo hanno rintracciato e lo hanno portato nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Pirata della strada travolge e uccide uomo che passeggiava col figlio, il giovane papà è morto sul colpo

Tragedia shock a Castel Volturno, in via delle Acacie, intorno alle ore 20:30 di sabato sera. Un uomo, un 34enne di nome Giorgio Galiero, è stato ucciso da un’auto che è arrivata a tutta velocità mentre la vittima stava attraversando la strada, in compagnia del figlio di sei anni e di altri familiari. L’automobile incriminata è un suv Bmw AX6 con targa polacca, che prima di falciare il 34enne ha sorpassato due automobili in transito, salvo poi sbandare proprio a causa dell’alta velocità. Per Giorgio Galiero non c’è stato nulla da fare: l’uomo è morto sul colpo e i soccorritori arrivati subito dopo non hanno potuto far altro che constatare lo stato delle cose. Sotto shock, ma miracolosamente illeso, il bimbo: in lacrime per quanto accaduto il piccolo è fuggito a piedi verso casa. Qui lo hanno rintracciato i Carabinieri di Pinetamare che hanno iniziato a indagare sulla morte di Giorgio Galiero. L’uomo alla guida del suv è infatti fuggito senza soccorrere l’uomo investito.

Pirata della strada travolge e uccide uomo che passeggiava col figlio

Come riportato da La Repubblica, il pirata della strada che sabato sera ha ucciso Giorgio Galiero a Castel Volturno è stato rintracciato dai Carabinieri intorno alle ore 02:00 della notte tra sabato e domenica. Sul suo capo pendono le accuse di omicidio stradale aggravato e di omissione di soccorso. Attualmente, dopo la perquisizione del suo appartamento e il primo interrogatorio, si trova nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Maria Mento