Open Arms, l’Italia accompagnerà i migranti in Spagna. Si pensa alle navi militari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:36

open arms salvini migrantiOpen Arms accetta la proposta dell’Italia, ma la definisce comunque “incomprensibile”. 

La nave dell’ONG verrà infatti accompagnata al porto di Minorca, nelle Baleari, messo a disposizione dal premier spagnolo Sanchez. Per il trasferimento dei migranti il ministero dell’Interno sta ragionando anche su un possibile utilizzo delle navi militari, un pò come accaduto già in passato con l’Aquarius.

Il responsabile del Viminale, Matteo Salvini, ha di nuovo sottolineato l’impossibilità di sbarco sul suolo italiano per i migranti che si trovano a bordo della Open Arms.

“Dopo 18 giorni di stallo, Italia e Spagna sembrano finalmente aver trovato un accordo, decisione che ci appare del tutto incomprensibile”, le parole di Riccardo Gatti, presidente di Open Arms, riportate dal quotidiano ‘La Repubblica’.

UE chiede soluzione rapida anche per la Ocean Viking 

“Con la nostra imbarcazione a 800 metri dalla costa di Lampedusa – prosegue Gatti – gli Stati europei stanno chiedendo a una piccola Ong come la nostra di affrontare 590 miglia e tre giorni di navigazione in condizioni metereologiche peraltro avverse, con 107 persone stremate a bordo e 19 volontari molto provati che da più di 24 giorni provano a garantire quei diritti che l’Europa nega”.

Nel frattempo, l’Unione Europea accende i riflettori anche su un’altra imbarcazione, la Ocean Viking, che si trova in acque internazionali con 356 persone a bordo. La portavoce della commissione Ue Natasha Bertaud ha chiesto agli stati membri e alle ONG di collaborare “per trovare una soluzione”.