Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Presunto legame tra Ong e migranti, ci sarebbe un video sulla Open Arms capace di confermare tutto

CONDIVIDI

Il recentissimo caso della Open Arms ha riacceso un dibattito, mai spentosi, sul possibile legame esistente tra scafisti e Ong. Secondo un articolo di Libero Quotidiano, esiste un video capace di rivelare qualcosa

Sebbene la magistratura non abbia mai trovato prove dell’esistenza di un legame tra Ong e scafisti che lucrano sul traffico di esseri umani nel Mediterraneo, secondo un articolo pubblicato un giorno fa da Libero Quotidiano esisterebbe un video in grado di dimostrare questi contatti. Tutto parte ovviamente dal caso della Open Arms, la nave della Ong spagnola che in questi ultimi giorni ha fatto molto discutere la politica italiana (e non solo quella).

Presunto legame tra Ong e migranti, un video pubblicato un anno fa mostrerebbe gli scafisti a bordo della Open Arms

I volontari della Open Arms, che per  lo sbarco di 218 migranti avvenuto a Pozzallo nel marzo del 2018 furono indagati dalla Procura di Catania per associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina, pare siano stati avvicinati da un gommone che trasportava scafisti.  Questi scafisti sarebbero saliti a bordo della nave per parlare con il capitano. È quanto si vedrebbe in un video, diffuso in rete circa un anno fa, e che però noi non siamo stati in grado di reperire. Il video incriminato sarebbe una delle prove che gli accordi tra Ong e scafisti riguardo alla questione migranti ci sono. Accordi la cui esistenza la magistratura non è mai stata in grado di provare, fino a  ora, così come si evince da quanto dichiarato lo scorso luglio dal Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio.

Secondo le dichiarazioni riportate da Fanpage, il Procuratore ha sostenuto che “L’attività delle potrebbe essere considerata illecita solo nel caso di un rapporto preventivo tra trafficanti e Ong, cosa finora mai provata. L’attività delle Ong, secondo la giurisprudenza di merito formatasi davanti ai tribunali di Trapani, Catania, Agrigento e Siracusa, ha messo in risalto ai fini penali che l’attività delle Ong può considerarsi illecita ove si provi, e ciò per quanto mi riguarda non è stato fino al momento provato, che vi sia un preventivo accordo tra i trafficanti di esseri umani e le Ong”.

Presunto legame tra Ong e migranti, la testimonianza di Cristian Ricci

A sostenere l’esistenza di un legame tra scafisti e Ong è pure Cristian Ricci, titolare della IMI security  Service.  “Dalle nostre segnalazioni è nata un’ indagine della procura di Trapani. Denunciavamo delle cose che erano poco chiare”, sostiene Ricci, il quale da tempo crede che si debba indagare più a fondo sulla questione. Ha rivelato ancora Ricci: “Prima di tutto, quel che noi abbiamo denunciato è la scarsa collaborazione delle Organizzazioni non governative con le autorità. Una specie di censura sui nostri rapporti con la polizia. Certi soccorsi ci venivano dettati da un messaggio ricevuto su whatsapp direttamente dal capitano della nave. Come se loro sapessero dove andare. Ne ho parlato con la polizia e da lì è nata l’ idea di mettere sotto copertura delle persone e evidenziare delle prove”. Anche lui avrebbe visto il video citato prima, e ha dichiarato che l’uomo salito a bordo ella Open Arms non era un membro della Guardia Costiera libica ma chiaramente un trafficante di uomini.

Seguiranno ulteriori aggiornamenti sulla vicenda.

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram