Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Vicesindaco nella bufera per la scritta sulla t-shirt: “Se non puoi sedurla, puoi sedarla”. La rettifica della Lega: “È di FdI”

CONDIVIDI

vicesindaco lega

Durante la festa del paese il vicesindaco del comune di Roverè si è presentato sul palco con indosso una maglietta recante una scritta shock

“Se non puoi sedurla, puoi sedarla”. Sono le assurde parole riportate sulla t-shirt indossata da un vicesindaco della Lega e che hanno generato un vero e proprio putiferio sui social. L’autore del gesto che ha scatenato polemiche è Loris Corradi, braccio destro del sindaco del comune di Roverè, in provincia di Verona, che in occasione della festa del paese ha indossato una maglietta rossa recante, sul davanti, la frasi, “Se non puoi sedurla…” e sul retro “…puoi sedarla”. Il 35enne eletto con la Lega l’ha mostrata sul palco, svelata dalla presentatrice della serata tra le risatine del pubblico, ma quando l’immagine del vicesindaco con indosso quella t-shirt è finita sul web la situazione è drasticamente cambiata.

La reazione di un’assessore: “Non ridono nemmeno le donne della Lega”

Tanto da spingere anche Monia Cimichella, assessore nel vicino comune di Sona, a manifestare la sua indignazione su Facebook scrivendo: Non credo che le donne ridano, nemmeno le donne della Lega dai. Non credo”. E tra gli utenti c’è chi sottolinea che potrebbe trattarsi di istigazione alla violenza e che per questo motivo Corradi dovrebbe essere sanzionato. “E’ un orrore, una maglia ignobile, che manifesta la cultura dello stupro che i politici leghisti sono abituati ad usare come elemento per discriminare e costruire un nemico esterno. Ma questo nemico è interno, relle relazioni di vita quotidiana di milioni di donne, che subiscono violenze quotidiane, abusi, insulti sessisti, a casa, sul lavoro, nella vita pubblica”, ha scritto la sezione del partito Potere al Popolo di Verona su Facebook. Mentre la sindaca del comune finito nella bufera, Alessandra Caterina Ravelli, non ha al momento replicato.

RETTIFICA: dopo la bufera legata a questa maglietta di cattivo gusto (quantomeno), la Lega ha preso posizione attraverso una nota stampa, smentendo l’appartenenza di Corradi al  partito: “Loris Corradi non è tesserato Lega, ma è un esponente di Fratelli d’Italia, di cui è anche è stato nominato coordinatore locale del partito nel 2018. Corradi non fa parte del mondo Lega e non ne conosce ideali e programmi”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram