Crisi di Governo, Pd e M5S continuano a trattare: alle 19 la risposta al Quirinale

Crisi di Governo, Risposta al Quirinale entro le 19Il destino del Governo italiano è ancora incerto: PD e M5S continuano a trattare allo scopo di trovare un accordo, alle 19 però i partiti devono dare una risposta al Quirinale.

La possibilità che si vada ad elezioni entro la fine dell’anno è un’ipotesi che al momento non può essere scartata. L’unico modo per evitare una simile prospettiva sarebbe quella di formare un governo tra Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico, ma l’accordo non è ancora stato trovato ed uno dei nodi principali riguarda la figura di Giuseppe Conte all’interno dell’esecutivo: i grillini vorrebbero mantenerlo come premier, mentre il PD insiste sulla necessità di cambiare sia il programma politico (per fare una piattaforma comune e non due parallele) che gli uomini di governo, in modo da assicurare una svolta.

Nicola Zingaretti, inizialmente assolutamente contrario ad un accordo, adesso si dice fiducioso sulla possibilità di fare un governo che (qualora venisse trovato un’intesa) rappresenterebbe una rottura con quello che c’è stato fino ad adesso e permetterebbe all’Italia di crescere. Il Segretario del PD si è incontrato al Nazareno con i leader del partito e pare che a conclusione dell’incontro siano state trovate delle linee comuni. Intanto Renzi (colui il quale ha proposto l’accordo) continua a spingere con un post su Facebook: “Ora è tempo di investimenti, non di austerity. Se manda a casa Salvini, Italia torna protagonista”.

Crisi di Governo: vertice pentastellato e risposta al Quirinale

In queste ore Di Maio si dovrebbe incontrare con i vertici del Movimento 5 Stelle. Alla riunione dovrebbero partecipare tutti i big del M5S (Fico, Di Battista, Taverna e Casaleggio) e persino Beppe Grillo in qualità di garante. Qui si cercherà di capire se si vuole cedere alle richieste del PD o se si vuole continuare con la linea attuale, scelta che comporterebbe una mancanza di accordo. In ogni caso entro le 19:00 di oggi i due partiti dovranno dare le proprie risposte al Quirinale che, in caso di via libera, stilerà il calendario delle consultazioni.