Giallo per la morte di una donna brasiliana di 60 anni trovata legata al letto con una visibile ferita alla testa

Arezzo si tinge di giallo per la morte di una donna brasiliana di 60 anni. Il ritrovamento del corpo senza vita è stato ieri sera intorno alle 19.

Giallo per la morte di una donna brasiliana: chi è la vittima

La vittima è Maria Aparecida de Sousa, di origine brasiliana. La donna è stata trovata legata al letto con una visibile ferita alla testa. Gli inquirenti hanno ricondotto la ferita ad un colpo inferto prima della morte, che invece pare sia avvenuta per strangolamento. La vittima risiedeva ormai da anni ad Arezzo e secondo FanPage era sposata.

Le prime ricostruzioni

Già dopo il primo sopralluogo nella casa della vittima, il pubblico ministero Chiara Pistolesi ha spiegato che il corpo è stato trovato senza vita dai vigili del fuoco. Ad allertarli i vicini.

Il coroner sta lavorando per stabilire l’ora precisa del decesso della donna, ma si ipotizza che sia avvenuta nella giornata di lunedì. La polizia ha perquisito non solo l’alloggio della vittima ma anche quelli di altri affittuari.

Qualcuno ha raccontato ai media che la palazzina è nota per un via vai di gente soprattutto durante la prima serata e il cuore della notte. Al momento, gli inquirenti dispongono della salma della vittima per effettuare l’autopsia come da prassi.

Un lavoro da prostituta forse il movente

Stando a quanto riportano i media Maria Aparecida svolgeva nel suo appartamento l’attività di prostituzione, aspetto su cui sta indagando la squadra mobile, guidata dal dirigente Francesco Morselli.

Per ora si ipotizza solo che il delitto possa essere avvenuto ad opera di un cliente, forse come apice di una lite per motivi di denaro. All’interno della sua abitazione di via della Robbia, a pochi passi da Santa Maria delle Grazie, la donna brasiliana non era in compagnia del marito, che invece pare fosse fuori per le ferie estive.