Si rifiuta di indossare la cintura, scende dal taxi e viene investita. L’assurda morte di una ragazza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:08

Una giovane donna è stata investita e uccisa da un’auto non appena è scesa da un taxi.

Vanessa Collins-Smith, 25 anni, è uscita dal taxi su una strada non illuminata ed è stata falciata da un’auto di passaggio. La tragedia è avvenuta lo scorso 20 febbraio.

Vanessa, originaria di Haverfordwest, nel Pembrokeshire, in Galles, è stata vista in vita per l’ultima volta sulla A4076, tutta vestita di nero. La donna reggeva in mano una bottiglia di alcol, come riportato anche dal quotidiano britannico “The Sun”.

“Continuavo a chiederle di indossare la cintura di sicurezza, ma lei si rifiutava sistematicamente – ha detto alla polizia il tassista, Awais Eshan – L’allarme suonava di continuo e più le chiedevo di indossare la cintura, più diventava violenta”.

Già due auto l’avevano evitata per miracolo

Ad un certo punto il tassista si è fermato e la donna è scesa dal taxi senza pagare, intimando anche all’autista di “scappare”.

Due auto hanno bruscamente sterzato per evitare di investire la 25enne, prima dello schianto fatale con un LandRover Defender. L’autista del mezzo, Gordon Stanger, ha detto di non aver visto la giovane perché era vestita tutta di nero.

“Era una ragazza gentile e amata dalla gente – ha detto la madre di Vanessa – Non sappiamo cosa le sia preso e perchè non abbia voluto indossare la cintura”.