Baby scippo a Roma: bimba borseggiatrice di dieci anni fermata dai carabinieri

Baby scippo a Roma

La “scuola” di borseggiatori non si arresta, e continua ad ingaggiare e istruire i minorenni. Non essendo imputabili, possono facilmente tornare in strada di nuovo per taccheggiare i passanti. La questione interessa anche la capitale: un baby scippo a Roma è stato individuato lo scorso lunedì pomeriggio. La “persona incriminata” è una bimba di appena 10 anni.

Baby scippo a Roma: bimba “beccata” da un carabiniere in borghese

La bimba, che veniva tenuta d’occhio da una donna già nota alle forze dell’ordine, era vicino una filippina ottantenne, pronta a prendersi tutte le sue cose. Proprio nell’atto dello scippo, tuttavia, è passato un vicebrigadiere dei carabinieri della stazione San Giovanni, in borghese. Il militare ha notato la donna e ha osservato con accortezza sia lei che la piccola.

La bimba e la donna hanno accerchiato la filippina senza farla insospettire e le hanno sfilato il portafogli. A questo punto è intervenuto il carabiniere che ha costretto le due a restituire il bottino.

La donna fermata è stata portata in caserma

Il carabiniere ha poi condotto la 54enne con la fedina penale sporca nella caserma. Secondo Dagospia, la donna è un’extra comunitaria senza fissa dimora. Ora sta aspettando di essere sottoposta al rito direttissimo. Il reato di cui deve rispondere è di furto aggravato. Intanto la bimba sarà invece affidata ad una casa famiglia.

Ormai la questione borseggiatori è una vera e propria piaga sociale, troppo spesso coinvolge i minori, e ancor di più le bambine. A Roma soprattutto vengono presi di mira i turisti, ai quali vengono sottratti, tra gli oggetti più cercati, portafogli, smartphone, macchine fotografiche, iPod, tablet, e così via.