Ocean Viking, è finita l’odissea della nave Ong: attraccherà a Lampedusa. Dall’Europa buoni segnali sui migranti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:10
Ansa

La nave Ocean Viking farà sbarcare gli 82 migranti che trasporta a Lampedusa. L’isola che è stata designata come porto sicuro assegnato dall’Italia alla nave. Intanto, in Europa qualcosa si muove sulla questione migranti

È arrivato il via libera per Ocean Viking, la nave di Sos Mediterranea e Medici Senza frontiere che ha salvato 82 migranti l’8 settembre scorso e che da giorni è in attesa di un porto sicuro a cui approdare L’Italia le ha assegnato come porto sicuro in cui attraccare quello dell’isola siciliana di Lampedusa. Non è chiaro se la nave attraccherà direttamente nel porto e o se si deciderà di trasportare i migranti su delle motovedette della Guardia Costiera che a loro volta li porteranno a terra.

La Ocean Viking può attraccare a Lampedusa, c’è l’ok del Ministero dell’interno

I divieti imposto dal decreto sicurezza-bis in termini di sbarco dei migranti sembrano essere stati superati, o quantomeno non si sono applicati alla vicenda della nave Ong Ocean Viking che una settimana fa ha soccorso 82 migranti in difficoltà nel Mediterraneo, navigando poi alla volta di Lampedusa. Qui la nave potrà attraccare e far sbarcare i migranti: è arrivata l’assegnazione di Lampedusa come porto sicuro per lo sbarco da parte del Ministero dell’Interno italiano, che quindi ha avallato la proceduta. Questo caso dovrebbe essere il caso guida della nuova linea tenuta dall’Italia in tema di migranti, e cioè accoglienza sì se a coadiuvare il Bel Paese ci sarà anche il resto dell’Europa.

La Ocean Viking può attraccare a Lampedusa, c’è l’accordo sui migranti con Francia e Germania: ne accoglieranno il 25%

L’Europa aveva promesso maggiore apertura nei confronti dell’Italia sulla revisione del Trattato di Dublino e sul tema dell’accoglienza ai migranti. Le promesse verbali che erano arrivate nei giorni scorsi, a margine della nascita di un esecutivo italiano epurato da frange sovraniste e con il quale l’Europa ha ribadito essere più facile dialogare,  pare si stiano finalmente concretizzando con degli accordi messi nero su bianco. Gli sbarchi in Italia avverranno solo dopo aver stabilito i Paesi europei che accoglieranno i migranti. Secondo la ripartizione stabilita, Germania e Francia accoglieranno ognuna il 25% dei migranti approdati in Italia. Il nostro Paese, dal canto suo, accoglierà il 10% dei migranti sbarcati. La restante quota sarà suddivisa tra i Paesi europei cosiddetti volenterosi, Irlanda compresa. Questo accordo di massima ancora non è stato fisicamente firmato, ma il 23 settembre si terrà un vertice a La Valletta, la capitale di Malta. Si confronteranno sul tema il Ministro dell’Interno italiano, quello tedesco, quello francese e quello maltese.

Maria Mento