Spose bambine in Iran, matrimonio tra ragazzo di 22 anni e la cugina di 10: gli attivisti protestano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:35
Un’immagine del matrimonio estrapolata dal video incriminato

Bambine vendute per una manciata di sterline o poco più. Questo il destino delle piccole in Iran, dove esiste il fenomeno delle spose bambine. In questi giorni è arrivata la notizia di un matrimonio tra un giovane di 22 anni e la cuginetta di 10

In Iran sono frequenti i matrimoni tra uomini adulti e bambine. È il fenomeno delle spose bambine, che proprio in questi giorni ha portato di nuovo gli attivisti a protestare dopo la diffusione delle immagini di un matrimonio contratto da un 22enne con la cuginetta di 10 anni. La famiglia della piccola ha ricevuto in cambio una dote pari a 7200 sterline.

Spose bambine in Iran, un video mostra le nozze della piccola Fatima: è una bimba che ha solo 10 anni

Attivisti sul piede di guerra per la diffusione di un video che mostra l’ennesima celebrazione di matrimonio tra un adulto e una bambina. Ci troviamo in Iran, dove il fenomeno è diffuso soprattutto nelle aree rurali del Paese che sono considerate più povere. Il video mostra il matrimonio tra un ragazzo di 22 anni di nome Milad Jashani e sua cugina di 10, e nella ripresa si vede chiaramente che la piccola- che si chiama Fatima– non è affatto consapevole di quello che le sta accadendo: nonostante la bimba acconsenta alle nozze rispondendo al celebrante “Con il permesso dei miei genitori, sì”, non si rende conto di ciò che questo passo comporterà nella sua vita da ora in avanti. Una palese violazione dei diritti dell’infanzia, ancora non recepiti nella maniera corretta in tutto i Paesi del mondo, che nel nostro ordinamento giuridico ci riporta al reato di pedofilia.  Per sposarla, il 22enne ha versato una dote di 50 milioni di tomani e 14 monete d’oro: l’equivalente di 7200 sterline.

Spose bambine in Iran, il matrimonio è stato annullato dalle autorità

Le nozze tra Milad Jashani e la piccola Fatima sono state annullate dalle autorità per violazione dell’articolo 50 previsto in materia dalla legge iraniana. In Iran le bambine di 13 anni possono contrarre matrimonio se c’è il permesso dei genitori. Le bambine più piccole, per legge, devono essere soggette al permesso di un giudice. Le stime di Amnesty International parlano chiaro: il 17% delle ragazze iraniane si sposa prima di aver compiuto 18 anni. La vicenda era salita agli onori della cronaca grazie alla diffusione del video sui social media. Pare invece che la tv di Stato abbia coperto la storia: da qui un’indignazione ancora maggiore. La famiglia, nonostante l’annullamento, ha dichiarato che cercherà di far sposare la coppia.

Normalmente si prevede che le ragazze vivano con i loro mariti. La legge iraniana autorizza gli uomini a impegnarsi in una condotta sessuale con la moglie, indipendentemente dalla sua età, senza il suo consenso. In parole povere, agli uomini è permesso di stuprare le loro mogli“, ha dichiarato la portavoce di Amnesty Mansoureh Mills.

Maria Mento