Lampedusa, il sindaco accusa Salvini: “Per un anno ci è stato impedito di parlare degli sbarchi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:39

LampedusaIntervistato da Radio Cusano Campus, il sindaco di Lampedusa ha smentito l’ex ministro dell’Interno Salvini dichiarando che la politica dei porti chiusi non ha influito sugli sbarchi.

Giusto ieri vi abbiamo parlato dell’allarme del sindacato di polizia sull’esubero di migranti sbarcati da inizio settembre a Lampedusa. Sempre ieri vi riportavamo di come, tale aumento di sbarchi, non sia direttamente collegato al cambio di politica del governo sulle Ong. Pare infatti che gli sbarchi in questione siano autonomi e riguardino esclusivamente quelle navi che la Guardia Costiera non riesce ad intercettare.

A chi legge questo aumento di notizie riguardanti gli sbarchi viene sicuramente da chiedersi come mai prima di oggi non si leggeva così frequentemente di questo fenomeno. Il collegamento più immediato, vista anche la martellante propaganda della Lega nei mesi scorsi, è che non se ne leggeva perché la politica dei porti chiusi permetteva di intercettare un maggior numero di imbarcazioni. Magari mediante un numero maggiore di forze dell’ordine impiegate nel pattugliamento della costa. La realtà, però, è diversa e l’ha rivelata il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello.

Sindaco di Lampedusa: “Il numero degli sbarchi è sempre uguale”

Lampedusa, il sindaco attacca SalviniOspite della trasmissione ‘Cosa succede in città‘, di Radio Cusano Campus, il primo cittadino dell’isola che affronta in prima linea l’accoglienza dei migranti ha spiegato che il fenomeno migratorio non è cambiato negli ultimi anni: “Il fenomeno degli sbarchi è identico a prima, con una differenza che prima non se ne poteva parlare. Nessuno poteva raccontare se c’era o non c’era uno sbarco. Oggi invece gli arrivi vengono comunicati a tutti gli italiani”.

Da queste parole sembra che l’unica cosa che è cambiata è la copertura mediatica offerta. Se questo fosse vero, ed i dati presentati a supporto da ‘Next Quotidiano‘ (ad esempio) sembrano confermare la versione, le affermazioni dell’ex ministro dell’Interno sarebbero false. E’ lo stesso sindaco di Lampedusa che risponde a questo dubbio affermando in seguito: “Gli italiani sono convinti che con il precedente Governo i porti fossero chiusi, che gli sbarchi non ci fossero più. Invece non è così: c’erano comunque gli sbarchi e i porti erano aperti. C’è stato solo un cambiamento mediatico”.