Sgarbi attacca il Movimento 5 Stelle: “Bonafede scelto per proteggere Grillo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:35

Sgarbi attacca il MovimentoVittorio Sgarbi ha attaccato il Movimento 5 Stelle per il voto segreto sull’arresto di Diego Sozzani, accusandoli inoltre di voler proteggere Grillo.

La decisione del Movimento 5 Stelle di non concedere gli arresti domiciliari al deputato di Forza Italia Diego Sozzani ha mandato su tutte le furie Vittorio Sgarbi. Il politico è indagato per finanziamento illecito di partito e corruzione e alla camera dovevano decidere se concedere o meno la misura cautelare. L’aula ha espresso voto contrario e Sozzani dovrà dunque andare in carcere. A quel punto un indignato Sgarbi ha commentato in questo modo la decisione dei parlamentari: “Si vergogni Luigi Di Maio e si vergognino i cinque stelle che hanno votato con voto segreto per l’arresto dell’onorevole Sozzani, dopo che, con voto palese, hanno fatto il governo contro gli italiani”.

Le accuse di Sgarbi al Movimento 5 Stelle

L’invettiva del critico d’arte contro il Movimento non si è limitata alla decisione in aula, ma si è allargata alle motivazione che hanno condotto ad una simile scelta. A suo modo di vedere la scelta è avvenuta: “Per gli ordini di Grillo”, che poi attacca direttamente: “Nella cui casa il figlio indagato ha stuprato una ragazza, garantendogli, con Bonafede, un ministro della giustizia amico”. Sgarbi dunque ritiene che l’M5S non voti in maniera imparziale ma utilizzi gli strumenti di governo per proteggere i suoi: “Vergogna. Usare lo Stato per proteggere il loro capo”.

Al momento non risulta che qualcuno del Movimento abbia risposto al duro attacco di Sgarbi, ma non è escluso che nelle prossime ore ci possa essere qualche comunicazione dall’ufficio stampa o da uno dei suoi esponenti.