Camera, il 7 ottobre il taglio dei parlamentari. Di Maio su Salvini: “Alla faccia di chi ha fatto cadere il governo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:28

Taglio dei parlamentariIl prossimo 7 ottobre alla Camera dei Deputati verrà portato il taglio del Parlamentari. Di Maio esulta da New York e lancia una frecciata a Salvini.

Come da accordi presi tra il PD ed il Movimento 5 Stelle in sede di formazione di governo, la prima seduta libera della Camera vedrà fissato il taglio dei parlamentari. La riforma è da sempre uno dei capi saldi di Di Maio e soci e, stando alle affermazioni dei grillini, uno dei motivi che avrebbe portato alla rottura della precedente alleanza di governo. A dare il via libera all’ambita riforma è stato quest’oggi il Consiglio dei Ministri al termine di una lunga riunione. Il primo a commentare la decisione è stato il capogruppo alla Camera dei dem, Graziano Del Rio, che ha dichiarato: “Siamo persone serie e di parola e quindi abbiamo inserito al primo calendario utile il taglio dei parlamentari. La fiducia deve essere la caratteristica di questa nuova coalizione”. Lo stesso ha però sottolineato come si attenda dei contrappesi e dunque si lavori per la creazione di una nuova legge elettorale.

Taglio dei parlamentari, Di Maio: “Manteniamo promesse”

La comunicazione è giunta anche a Luigi Di Maio, il quale da New York ha mostrato la propria soddisfazione per il raggiungimento di un traguardo inseguito da tempo: “Partita chiusa, manteniamo le promesse e risparmiamo 500 milioni di euro. In questo momento tutti dicono che questo governo è nato per mantenere le poltrone e invece proprio questo governo le taglia”. Alla prima stoccata lanciata a Salvini, il leader del M5S ne fa seguire un’altra aggiungendo: “Alla faccia di chi ha fatto cadere il (precedente) governo per non tagliare i parlamentari”. Un vero e proprio break quello ottenuto dai pentastellati che in questo periodo stanno affrontando dei subbugli interni e che potrebbero perdere deputati in favore della Lega. Questo almeno secondo quanto sostenuto da un esultante Salvini che poco prima aveva dichiarato: “Presto ci saranno sorprese con passaggi dai 5Stelle alla Lega”