Manuel Bortuzzo, condannati a 16 anni i suoi aggressori: “La sentenza non mi restituirà le gambe” – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22

Sono stati condannati a 16 anni gli aggressori di Manuel Bortuzzo, l’ex nuotatore dopo la sentenza ha precisato che questo non gli restituirà le gambe

Lo scorso febbraio Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano hanno sparato a Manuel Bortuzzo colpendolo alla schiena. Dal giorno della sparatoria il giovane e talentuoso nuotatore è costretto a stare su una sedia a rotelle.

I due aggressori sono stati condannati a 16 anni con l’accusa di tentato duplice omicidio, nell’ultima udienza entrambi hanno ribadito che non volevano uccidere, a detta loro non c’è stata alcuna premeditazione.

Intanto, dopo aver appreso la sentenza Bortuzzo ha dichiarato: “La sentenza non cambia le cose: non mi restituirà certamente le gambe. In questo momento penso esclusivamente a riprendermi, consapevole che la giustizia debba fare il suo corso. Non mi importa sapere se chi mi ha fatto del male sia punito con 16 o 20 anni di prigione.”

Il giovane nuotatore ha aggiunto: Nessuna sentenza mi può fare ritornare come prima. So di dovermi confrontare con una realtà diversa, che sto affrontando con positività e determinazione. Il mio sogno è tornare a camminare; mi sto impegnando ogni giorno per realizzarlo e gli insegnamenti dello sport mi stanno aiutano in questa nuova dimensione.”

Sara Fonte