Italia Viva, prima proposta alla Camera: Renzi e Boschi contro le fake news

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:55

renzi boschi italia viva fake newsLa prima battaglia di Italia Viva è quella contro le cosiddette “fake news”. 

Il nuovo gruppo politico, nato in seguito all’uscita di Matteo Renzi dal Partito Democratico (che si è portato dietro deputati e senatori, ndr), ha presentato la sua prima proposta di legge alla Camera. La prima firmataria è Maria Elena Boschi, e la proposta chiede che venga istituita una commissione parlamentare d’inchiesta su tutte quelle notizie false che vengono spesso propagandate sul web per mettere alla berlina.

Le fake news, che pure sono un problema non da poco, vengono definite nella proposta presentata da Italia Viva come “dei delitti verso la Repubblica”, come riportato anche da Dagospia.

Nella bozza che vede la Boschi come prima firmataria si può infatti leggere che “la diffusione seriale e massiva delle notizie false” è di fatto un tentativo di “condizionare illecitamente o illegittimamente l’esito delle consultazioni elettorali o referendarie”.

“Tutelare gli utenti da notizie costruite per ingannare”

Italia Viva ritiene quindi opportuno “responsabilizzare i fornitori di servizi di social network sui contenuti veicolati attraverso le proprie piattaforme, tutelare gli utenti da notizie costruite intenzionalmente per trarli in inganno e contrastare la commissione di reati attraverso Internet”.

Appare piuttosto evidente il riferimento ad alcuni attacchi a Renzi giunti dal Movimento 5 Stelle nel corso degli anni. Sì, proprio quel M5S che oggi governa con il PD e che l’ex premier vuole continuare a tenere sulla graticola.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!