Turchia in guerra contro i curdi, la presa di posizione di Salvini: “Non vogliamo essere complici delle stragi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Il leader della Lega Matteo Salvini prende posizione netta contro la Turchia di Erdogan, artefice di un atto di guerra contro i curdi presenti nel Nord Est della Siria.

Queste le parole dell’ex vicepremier, riportate da AdnKronos: “Sospendere immediatamente ogni forma di finanziamento, italiano ed europeo, alla Turchia. Noi, a differenza di Conte e Di Maio, non vogliamo essere complici delle stragi di Erdogan”.

Le parole riportate vanno a rinforzare la netta presa di posizione giunta attraverso Twitter:

Ad onor del vero il governo italiano s’è esposto già ieri attraverso le parole del ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Come governo condanniamo l’azione militare, rischia di compromettere la lotta al terrorismo. Le azioni di forza e le azioni militari nel passato hanno fatto soltanto proliferare il terrorismo”, ha dichiarato l’esponente pentastellato sotolineando la “ferma condanna per l’iniziativa militare unilaterale della Turchia nel nord est del territorio siriano”.

Si dovrà vedere quali azioni verranno prese in pratica, al di là di eventuali convocazioni di ambasciatori e similia.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!