Il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime: in Italia la crescita è bloccata fino al 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:48

Fondo Monetario Internazionale taglia le stimeL’ultimo rapporto del Fondo Monetario Internazionale non lascia ben sperare per l’Italia nei prossimi anni, le stime della scorsa primavera sono al ribasso.

In attesa di conoscere quali saranno nel concreto le riforme tese a dare slancio alla nostra economia nella prossima Manovra, arriva come una scure il nuovo rapporto del Fondo Monetario Internazionale. Già in primavera ed inizio estate i report del Fmi non facevano ben sperare, piazzando l’Italia come fanalino di coda dell’Europa per quanto riguarda la crescita economica. In generale la situazione analizzata dall’Istituzione di Washington mostra una generale debolezza del mercato economico occidentale e mondiale, dove anche le stime di crescita della Germania sono in flessione.

Per quanto riguarda l’Italia le stime del Fondo mostrano una crescita zero alla fine del 2019 ed una previsione di crescita dello 0.5% per il prossimo anno. Le previsioni sono addirittura peggiori di quelle già poco incoraggianti dello scorso report, dove si prospettava una crescita dello 0,1% per quest’anno e dello 0,9-1% per il prossimo. Le stime combaciano quasi del tutto con quelle dell’Ocse dello scorso settembre, in cui si parlava di una crescita dello 0,1% nel 2019 e dello 0,4% per il 2020 che potrebbe arrivare allo 0,6% con le nuove riforme.

Italia situazione economica peggiore dalla crisi del 2009

Nel report viene fatto notare come il rallentamento dell’economica avvenuto nel 2018 continua ancora adesso. Inoltre si spiega come non si vedeva una debolezza di questo tipo, specie nel settore manifatturiero, dalla crisi finanziaria iniziata nel 2009. Le finestre di crescita intraviste negli anni precedenti, dunque, sembrano già essersi chiuse e sarebbe fondamentale appianare le tensioni geopolitiche affinché i Paesi possano collaborare ed emergere da questa fase di impasse. Pare che l’unica cosa che abbia evitato il tracollo di alcune economie sia stata la politica d’aiuto attuata dalla Bce in questo periodo difficile.