Ong, migranti e finanziamenti: il miliardario George Soros ha finanziato 70 progetti in due anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:49
George Soros (June 8, 2017 in Berlin, Germany)

Il miliardario statunitense George Soros e la sua Open Society Foundations hanno finanziato ben 70 progetti , tra il 2017 e il 2018: in Italia i progetti principali che sono stati finanziati riguardano l’immigrazione

Sono stati rilasciati i dati, in termini di numeri e di capitale economico investito, relativi all’operato della Open Society Foundations, la società che fa capo al miliardario statunitense (ma con origini ungheresi) George Soros. Ci che è emesso è impressionante: la società del filantropo ha finanziato ben 70 progetti tra il 2017 e il 2018, elargendo all’Italia contributi economici per una somma pari a oltre 8,5 milioni di dollari. A beneficiare di questi fondi tanti progetti attuati nel Bel Paese, tra i quali i più numerosi sono stati proprio quelli legati al tema dell’immigrazione.

I finanziamenti pro immigrazione di George Soros, contributi anche ai Radicali Italiani

Secondo i dati che sono stati riportati da Adnkronos, sono 32 i progetti che la Open Society Foundations ha finanziato nel 2017 (per un totale di 4.140.318 milioni dollari) e sono 38 quelli finanziati per l’anno successivo (per un totale di 4.387.630 miloini di dollari).

A beneficiare di questo denaro sono stati progetti che avevano come scopo quelli di favorire lo sviluppo di diverse tematiche relative all’immigrazione. Nel caso dei Radicali Italiani, che hanno ricevuto una somma pari a 298.550 dollari, lo scopo della donazione era quello di promuovere la riforma delle leggi italiane sull’immigrazione, al fine di favorire il benessere sociale dei migranti che si trovano sul nostro territorio nazionale e di fornire loro aiuto in caso di bisogno. Sul taccuino dei finanziamenti dell’Open Society Foundations ci sono numerose organizzazioni, associazioni, enti privati e non e ong.

I finanziamenti pro immigrazione di George Soros, alcuni degli altri aiuti elargiti

Altri finanziamenti (385.715 dollari nel 2018), sempre sul fronte immigrazione, sono andati all’Asgi (Associazione studi giuridici sull’immigrazione), allo Iai (Istituto Affari Internazionali. Sovvenzione pari a 230.192 dollari) e a Purpose Europe Limited. Scopo del finanziamento allo Iai, per esempio, quello di favorire il dialogo tra gli attori politici sui nuovi approcci all’immigrazione e alle politiche di asilo europee.

A Purpose Europe Limited, organizzazione che non è direttamente connessa con il nostro Paese, è andato il contributo più sostanzioso: un milione di euro. Altri finanziamenti più piccoli sono andati all’Università di Urbino (25mila dollari) per un lavoro di mappatura sui media italiani in chiave elezioni politiche 2018, e all’Università di Perugia (24.828 mila euro) per la realizzazione di un workshop su comunicazione politica e social media.

Maria Mento