Rassegna Stampa | Titoli principali quotidiani del 16 ottobre 2019

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:16

Le principali notizie riportate sulle prime pagine dei cinque quotidiani più venduti in Italia.

 

Corriere della Sera

-“Manovra al via, divisi sul fisco”

Riunione nella notte per mandare a Bruxelles il piano dei conti pubblici ed esaminare il decreto sulle imposte

Conte scrive a Gualtieri: lotta coraggiosa a chi non paga le tasse o ci metto io la faccia

Via libera alla legge di bilancio e al decreto fiscale. Alla fine di un lungo Consiglio dei Ministri (durato 6 re), è arrivato l’ok sulla Manovra da 30 miliardi, con un’accelerazione sui tempi che non tutti si attendevano. Ok all’abolizione del superticket e al superbonus per i pagamenti con carta di credito. Ci saranno più fondi da destinare alle famiglie, ma è scontro sul tetto del contante a mille euro, osteggiato da Luigi Di Maio e Matteo Renzi, tanto da prevedere un passaggio graduale: si scalerà prima a 2mila e poi a mille euro, dal 2022. Niente carcere per gli evasori, ma su questo punto ci sarà da attendere la redazione di un emendamento. Giuseppe Conte, in queste ore, sta trovando un forte alleato nella figura di Roberto Gualtieri. Il Presidente del Consiglio ha inviato un sms al Ministro, spronandolo a dare il meglio per definire questa rivoluzione sulla lotta all’evasione fiscale e per trovare il denaro necessario a chiudere la Manovra nei tempi giusti. “I cittadini in giro per l’Italia mi chiedono una svolta. E se non dovesse venire perderò di credibilità e dovrò dire che le cose non si possono cambiare“, ha azzardato ancora Conte. Nella Manovra trova spazio (per il solo 2020) anche il “Bonus facciate”: si potranno detrarre le spese sostenute per rifare le facciate delle palazzine, e questo per tentare di incentivare la corsa al decoro urbano.

-“Battiato e il male misterioso

Ecco la sua ultima canzone”

L’inedito. Si chiama «Torneremo ancora», registrata due anni fa

“Torneremo ancora” è l’ultimo singolo di Franco Battiato e sarà pubblicato il 18 ottobre 2019, dopo due anni dalla sua composizione. Due anni durante i quali il cantautore è rimasto lontano dai riflettori, in concomitanza con l’insorgere della malattia che lo affligge e di cui i suoi fan sanno molto poco. C’è riserbo intorno alle sue attuali condizioni di salute, anche se in un’intervista rilasciata a Fanpage Roberto Ferri (amico e collaboratore del cantautore) ha dichiarato di non sentirlo da un anno e ha  parlato di una situazione grave, giunta a un punto di non ritorno.

 

Il Sole 24 Ore

-“Manovra sul filo degli incassi 2020”

Verso la manovra

 

-“Flixbus estende la sua sfida alle ferrovie”

Treni low cost. Dopo l’esordio in Germania, la compagnia punta a Svezia e Francia

 

La Gazzetta dello Sport

-“Rullo azzurro”

Qualificazioni Euro 2020. La Nazionale non si ferma più, battuto il Liechtenstein (5-0)

Mancini eguaglia Pozzo. Doppietta di Belotti

Nona vittoria consecutiva per la Nazionale di Calcio italiana guidata da Roberto Mancini. Gol di Belotti (doppietta), Bernardeschi, Romagnoli ed El Shaarawy per piegare il Liechtenstein nella gara di qualificazioni per gli Europei 2020 giocata ieri sera a Vaduz (partita “inutile” per gli Azzurri, che sono già qualificati). Positiva, invece, la vittoria dal punto di vista del morale e dei record: Mancini ha raggiunto il record di vittorie consecutive fatto registrare da Pozzo ben 80 anni fa. C’è entusiasmo intorno agli Azzurri, che dopo il rinnovamento della rosa dovuto all’addio dei campioni del mondo del 2006 stanno cercando di trovare un nuovo equilibrio da “dream team”.

-Icardi lancia l’Inter

“Scudetto? Con Conte può essere l’anno ok

Lukaku si ambienterà e di gol ne farà tanti”

Mauro Icardi, adesso in forze al Psg (prestito con diritto di riscatto), parla dell’Inter di Conte e trova per la sua ex squadra parole di elogio. “Se può essere l’anno buono? Sì, l’Inter ha ormai un allenatore come Conte che vuole vincere e giocatori che vogliono altrettanto. Spetta a loro continuare il lavoro che abbiamo cercato di fare anche noi prima per ridurre il gap con la Juve, che rimane comunque al top”, ha detto il giocatore. Icardi potrebbe tornare all’Inter? L’ex nerazzurro non si è sbilanciato, sostenendo che è ancora presto per fare valutazioni, e dichiarando che onorerà la maglia che indossa al momento. Anche in Champions contro l’Inter, se dovesse capitargli di incrociare sulla sua strada i suoi ex compagni.

 

La Repubblica

-“Come si uccide una fabbrica”

La chiusura di Whirpool

Napoli, le garanzie del governo non convincono gli americani: dal primo novembre a casa più di mille lavoratori

Manovra, Di Maio e Renzi contro il tetto dei mille euro per i contanti

Niente carcere agli evasori. Si potrà scaricare la fattura dell’idraulico

Non è bastato, ai lavoratori della Whirpool della sede di Napoli, scendere in piazza pacificamente per evitare quello che tutti temevano: la chiusura dello stabilimento e il licenziamento di 420 persone, a decorrere dal prossimo 1° novembre.È come sapere il momento preciso in cui si muore che vita è mai questa? Da stasera inizia un presidio diverso, più duro niente deve entrare e niente deve uscire perché l’azienda deve sapere che non può fare tutto quello che vuole”, hanno dichiarato i lavoratori coinvolti nella triste vicenda. De Luca, il Presidente della Regione Campania, ha inviato una lettera a Giuseppe Conte, Roberto Gualtieri e Stefano Patuanelli, sostenendo cheAppare indifferibile una verifica comune finalizzata alla individuazione di eventuali soluzioni alla gravissima crisi che coinvolge le strutture industriali campane”. Il Presidente della Regione ha sollecitato un incontro per trovare una possibile soluzione.

-“Ecco le armi italiane per la guerra sporca di Erdogan”

Dagli elicotteri Mangusta ai cannoni

La guerra in Siria, condotta dai militari di Erdogan, si sta combattendo utilizzando anche armi che sono state fornite dall’Italia. In particolare, l’esercito turco si è dotato di Augusta A129 Mangusta, i bimotori costruiti in Turchia su licenza della Leonardo.

 

La Stampa

-“Una manovra che sfida gli evasori”

Il bancomat diventa universale. Tetto di mille euro per il contante. No al carcere per chi truffa il fisco

Conte teme le lobby in aula e scrive a Gualtieri: i politici hanno paura di giocare questa partita

 

-“I due Matteo da Vespa, scintille in tv e flirt dietro le quinte”

Scintille televisive, ieri sera, nel salotto di Porta a Porta. Come sempre introdotto da Bruno Vespa, è andato in onda il tanto atteso faccia faccia tra Matteo Salvini e Matteo Renzi. I due non si sono risparmiati nulla: dalle reciproche accuse sui motivi della nascita di questo governo alla raccolta firme contro Virginia Raggi, passando per i migranti, Giuseppe Conte e le accuse sui voli di Stato utilizzati indebitamente. Battute velenose relative anche a un bicchiere d’acqua bevuto da Renzi: Salvini ha insinuato che potesse essere alcol. Pronta la risposta dell’ex Presidente del Consiglio, che ha ricordato i trascorsi del collega al Papeete.

Maria Mento