Ritrovata la Biga di Morgantina, 17 arresti. Era stata rubata due anni fa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:51

biga di morgantina Un’importantissima opera d’arte, destinata al mercato nero, è stata fortunatamente recuperata. 

Si tratta della Biga di Morgantina, una struttura in bronzo risalente al 450 avanti Cristo e rinvenuta alla fine dell’800 proprio nei pressi dell’attuale sito archeologico di Morgantina, in provincia di Enna.

Nel giugno 2017, alcuni criminali avevano trafugato la preziosa opera che era situata nel cimitero monumentale di Catania. Un’operazione che è stata resa possibile dalla presenza di un complice all’interno del cimitero, come emerso successivamente nelle indagini portate avanti dai carabinieri del comando provinciale di Catania. Le intercettazioni dei sospettati hanno permesso ai militari di avere un quadro chiaro della situazione, compresa la volontà degli stessi criminali di vendere l’opera bronzea al mercato nero (ottenendo all’incirca due milioni di euro, ndr).

La biga imbragata e sollevata con un elicottero

I carabinieri hanno spiegato anche le modalità del furto: i ladri hanno infatti imbragato la biga, che è stata poi sollevata con un elicottero e successivamente poggiata su un camion. In seguito, il gruppo criminale ha diviso l’opera: la carrozza è stata nascosta in un garage in provincia di Catania, mentre per i cavalli è stata scelta una stanza ‘segreta’ realizzata in una villetta privata dell’Ennese.

Come riportato dall’ANSA, le 17 persone implicate nella vicenda risultano indagate a vario titolo, per rapina, estorsione, ricettazione e furto di opere antiche. L’inchiesta, secondo i magistrati, ha “consentito di sgominare un gruppo criminale ad elevata pericolosità sociale, dedito alla commissione di reati contro il patrimonio nelle province di Catania, Enna e Siracusa”.